Antipasti/ Finger food

Arancinette con pancetta e carciofi senza glutine

Arancinette con pancetta e carciofi senza glutine - La Cassata Celiaca

Arancinette con pancetta e carciofi senza glutine – La Cassata Celiaca

Leggendo su Facebook, una ragazza siciliana (mi scuso ma non ricordo chi fosse di preciso) ha detto che il conto alla rovescia per noi è per Santa Lucia con  le arancine ed è verissimo!

In questo momento non mi concentro sul panettone ma sulla trentina di arancine che preparerò il 13 dicembre per le tre anime della mia famiglia. Avendone fatte alcune e volendo sempre variare, ecco delle arancinette con pancetta e carciofi senza glutine in versione piccolina.

Sono una tira l’altra, deliziose mangiate calde ma anche fredde. Son facili da fare, vi evita il ragù- per chi non avesse il tempo di preparalo- e si conservano bene anche per un paio di giorni.

Se non trovate i carciofi (questi son stati fatti a marzo in piena stagione) sostituiteli pure con spinaci o con altra verdura che preferite.

Ricetta tratta da Oggi cucino Free numero 3.

Per ulteriori idee:

Arancine di polenta.

Arancine nere ai funghi

Arancine bianche (o al burro)

Arancine dolci di cous cous

Arancine con ragù (con video ricetta)

Arancine con spinaci

Arancine di spaghetti (con video ricetta)

 

Buona giornata,

 

 


Arancinette con pancetta e carciofi senza glutine - La Cassata Celiaca

Cottura: 

Tempo totale:
Ingredienti

Ingredienti per circa 18 arancinette.

olio d’oliva

200 g riso carnaroli

400 g brodo vegetale

2 cuori di carciofi

Il succo di mezzo limone

pancetta senza glutine

mezza cipolla

pepe

vino bianco

parmigiano reggiano

1 uovo

100 g pangrattato senza glutine

40 g farina senza glutine

acqua quando basta per la pastella

1 l olio di arachidi

 

Procedimento:

Preparare il risotto anche il giorno prima, volendo.

Soffriggere la cipolla tritata nell’olio d’oliva.

Aggiungere la pancetta tritata, quantità a piacere.

Pulire i carciofi togliendo i gambi, le foglie più dure, la barbetta e tenere solo i cuori.

Affettare finemente i carciofi e versarli in casseruola con la cipolla e la pancetta.

Versare il riso e farlo tostare.

Sfumare con un poco di vino bianco.

Pepare, versare il brodo e lasciare cuocere il riso per circa 20’ mescolando di tanto in tanto.

Fare raffreddare il risotto.

Aggiungere del formaggio grattugiato a piacere e incorporare l’uovo

Formare con le mani leggermente umide delle palline poco più grandi di una noce.

Preparare la pastella versando la farina in una ciotola e diluendola con tanta acqua quanto basta per ottenere una pastella fluida della stessa consistenza di una besciamella.

Passare tutte le arancinette prima nella pastella e poi nel pangrattato.

Fare scaldare l’olio in una casseruola dai bordi alti in modo che le arancinette vengano sommerse dall’olio e friggerle.

Adagiarle su carta assorbente e salarle leggermente.

 

You Might Also Like

15 Comments

  • Reply
    Stefania
    2 dicembre 2015 at 7:23

    Ho appena finito di fare colazione con tè e biscotti. Se ti dicessi che un’arancina la agguanterei volentieri mi daresti della fogna?
    Belline! Bacetti! Abbracciucci!

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:54

      Stefania, ma anche no! lo farei anche io ;-)- grazie e bascetti

  • Reply
    Ale - Dolcemente Inventando
    2 dicembre 2015 at 13:47

    Io purtroppo da calabrese li chiamerò sempre arancini…la denominazione palermitana purtroppo non mi entra in testa, perché sono cresciuta a suon di arancini e quanto li amo…soprattutto quelli bianchi come questi! che bontà! complimenti cara

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:54

      Ale, a te ti perdono…chiamali come vuoi 😀 grazie tesoro e bacioni

  • Reply
    paola
    2 dicembre 2015 at 14:15

    Che abbinamento fantasioso,vedo che le arancine ti piacciono ,grazie per le belle ifee,buona giornata

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:55

      Paola, eccerto che mi piacciono, qui ce le danno al posto del latte fin da neonati! ha ha ha grazie mille e bacioni

  • Reply
    SABRINA RABBIA
    2 dicembre 2015 at 15:59

    BELLA VERSIONE DEGLI ARANCINI, MI PIACE!!!BRAVA!!!BACI SABRY

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:56

      grazie Sabry, bacioni anche a te

  • Reply
    Ketty Valenti
    2 dicembre 2015 at 19:36

    Ah si ricordo è stata a scriverlo Simona Bianca Pirrone se non ricordo male,lo lessi anch’io e costatavo la tradizione Palermitana di arancini/e e cuccia di cui mia madre mi parla spesso,mentre qui da me gli/le arancini/e si magnano tutto l’anno 😀 Fantastiche le tue arancinette una vera delizia,io giuro che fraa dolce e salato non faccio distinzioni….troppo ingorda sono 😛 !!!
    Foto al bacio 😉

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:57

      Ketty, si si verissimo è stata lei a dirlo!! che memoria ragazza! In verità anche io faccio le arancine più volte l’anno ma se fuori festa è a discrezione per santa Lucia è un vero obbligo morale. Grazie mille e baciuzzi

  • Reply
    Mariabianca
    2 dicembre 2015 at 20:33

    La foto e’ bellissima,poi non parliamo delle arancine…..me ne tiri una?

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:58

      Mariabianca, te ne ho tirato un coppino….t’arrivaru? hahahah grazie e bacioni

  • Reply
    Leti - Senza è buono
    3 dicembre 2015 at 10:04

    Cara, sono nel mio “periodo salato”, ovvero preferisco il salato al dolce e ti assicuro che di queste arancinette me ne mangerei almeno un paio con il caffè amaro della mattina!!! 😉 Sono stupende, e credo proprio che farebbero l’effetto delle ciliegie…una tira l’altra! Per non parlare della foto, come sempre impeccabile! Un abbraccio grandissimo, Leti

    • Reply
      Sonia
      3 dicembre 2015 at 10:58

      Leti, che carina sei!! grazie mille, sai che anche io per ora preferisco il salato? specie la mattina…. baciotti grandi

  • Reply
    Arancine di Gaeta senza glutine - La Cassata Celiaca
    2 dicembre 2016 at 9:01

    […] Arancinette con pancetta e carciofi […]

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.