Street food/ video ricetta

Crostini senza glutine, lo street food palermitano

Questo articolo è disponibile anche in: Français (Francese)

Crostini senza glutine con besciamella, formaggi e prosciutto con video ricetta

Crostini senza glutine, lo street food palermitano - La Cassata Celiaca

Crostini senza glutine, lo street food palermitano – La Cassata Celiaca

Dopo 6 anni dalla prima pubblicazione dei miei crostini senza glutine, faccio un restyling alle foto e al video e ripubblico la versione 2.0 approfittando di una richiesta specifica per il pranzo della domenica.

I crostini sono uno street food palermitano a base di pane a fette e besciamella arricchita con formaggi e prosciutto.

Non è una ricetta tipica della mia famiglia d’origine, non li avevo mai mangiati prima di conoscere mio marito e non li avevo mai visti preparare.

Crostini senza glutine, lo street food palermitano - La Cassata Celiaca

Crostini senza glutine, lo street food palermitano – La Cassata Celiaca

Invece li preparava mia suocera e mi sono fatta raccontare da lei la sua ricetta.

Non so se sia la ricetta tradizionale o una rivisitazione, ma piacciono molto a mio marito e io li faccio così come mi ha insegnato sua mamma.

Rispetto ai primi che ho fatto, questi sono esteticamente meno perfetti sia a causa della delicatezza del pane che ho usato (ve ne parlo più sotto), sia a causa del fatto che ho usato mozzarella.

Questa (non in panetto, tipo scamorza, ma la mozzarella classica) ha rilasciato un po’ di liquido e in cottura ha creato qualche problemino.

Crostini senza glutine, lo street food palermitano - La Cassata Celiaca

Crostini senza glutine, lo street food palermitano – La Cassata Celiaca

Ma estetica a parte, sono venuti molto ma molto buoni.

Ho preparato il pane in cassetta apposta.

Non un pancarrè ma un pane in cassetta da affettare che è venuto incredibilmente buono e che ho preparato con il lievito madre.

Vi lascio qui il link al video.

Mantengo una foto dei vecchi crostini così che possiate paragonarli e vi invito ad assaggiarli.

Crostini, lo street food palermitano senza glutine - La Cassata Celiaca

Crostini, lo street food palermitano senza glutine – La Cassata Celiaca

Vi aspetto sul mio gruppo Facebook.

Enjoy!


Crostini senza glutine, lo street food palermitano - La Cassata CeliacaIngredienti per circa 18 pezzi

9 fette di pane in cassetta senza glutine

per la besciamella:

600 ml latte

100 g burro

60 g farina di riso finissima senza glutine

40 g maizena senza glutine (oppure amido di riso)

noce moscata

sale

per il condimento:

100/150 g prosciutto cotto senza glutine

200/250 g formaggi misti

per la panatura:

farina per pane senza glutine

acqua

pangrattato senza glutine

olio per friggere

 

Procedimento

Prepara la besciamella.

Versa il burro in casseruola ed unisci sale, pepe e noce moscata.

Una volta sciolto il burro, unisci la farina e la maizena e mescola bene, facendo cuocere per un paio di minuti.

Versa il latte e mescola bene con la frusta per rimuovere tutti i grumi.

Cuoci la besciamella finché non addensa, poi spegni e lascia raffreddare.

Unisci il prosciutto e tutti i formaggi che hai scelto tagliati a cubetti.

Mescola bene e lascia raffreddare bene in frigo anche per una notte.

L’indomani prepara i crostini.

Taglia le fette di pane a triangolo e sistema su ogni triangolo una generosa dose di besciamella, in modo che sia ben bombata.

Ripeti l’operazione fino alla fine della besciamella.

In una ciotola versa qualche cucchiaiata di mix per pane, 4 o 5  dovrebbero bastare, e diluiscilo con un poco di  acqua.

Mescola con la frusta per rimuovere tutti  i grumi e poi versa ancora dell’acqua fino a che non otterrai una pastella fluida ma non troppo liquida.

Immergi i crostini nella pastella e poi passali nel pangrattato.

Compattali per bene in modo da fara aderire il pangrattato e da dare una forma regolare.

L’ideale, a questo punto, sarebbe di rimetterli in frigo per qualche ora o anche nel reparto zero gradi del frigo in modo che tutto raffreddi bene e non si aprano in cottura.

Io li ho dovuti friggere subito.

Scalda abbondante olio di semi e friggi pochi crostini per volta.

Io li immergo prima dalla parta della besciamella e poi, con delicatezza, li giro.

Una volta ben dorati, sistemali su carta assorbente.

Scegli tu se consumarli caldi o tiepidi.

 

 

You Might Also Like

15 Comments

  • Reply
    Angela
    24 Giugno 2015 at 14:05

    Ho appena deciso come festeggiare il mio decimo kg perso 😀

  • Reply
    Stefania FornoStar Oliveri
    24 Giugno 2015 at 14:12

    Voglio sposarti e morire grassa e felice!

  • Reply
    Una Favola in tavola Il Mondo di Ortolandia
    24 Giugno 2015 at 15:12

    ma questi li devo proprio fare, non resisto! Mentre aspetto di gustare gli originale (mi concederò uno strappo glutinoso) durante le mie vacanze in Sicilia di questa estate, preparo tutto per farli in casa seguendo la tua versione!Grazieeeee

  • Reply
    Cristina Popa
    25 Giugno 2015 at 8:59

    Oh mamma!!!!! Li voglio anche ioooo!!!
    Una libidine!!! Bravaaaa!!!!
    Grazie per questa meraviglia di ricetta!!!

  • Reply
    Senza è buono
    25 Giugno 2015 at 16:47

    Ma sai che non conoscevo proprio questa super delizia!? Mi fai scoprire sempre ricette nuove! Per realizzarli, dovrò farmi dare una mano da mammina (non sono così brava a friggere!!!) che sicuramente non si tirerà indietro, vista la golosità unica di questo super street food!!!! Bravissima come sempre! Baci baci, Leti

  • Avatar photo
    Reply
    lacassataceliaca
    25 Giugno 2015 at 17:41

    Angela, ha ha ha MUORO!

    Stefania, hahahahahah!!! che comica sei!!

    Manu, ma se vieni assaggia l'originale e poi li rifai sglutinati…brava!! bacioni

    Cristina, grazie mille a te!!

    Leti, che carina!!! un vero tesoro, bacioni

  • Reply
    Mariabianca
    25 Giugno 2015 at 19:39

    Leggere il commento di Stefania Oliveri significa farsi la pipì addosso per il troppo ridere.
    E tu? Sempre più brava.

  • Reply
    Minnie Pepperalex
    25 Giugno 2015 at 22:10

    Ecco, sono le ricette come questa che mi fanno rammaricare di avere tanto in odio la frittura, intesa come attività del friggere… per capirci, se a friggere sono gli altri, io mangio e sono felice… se a friggere devo essere io, propongo un'alternativa perché la frittura fa male, ahahahahah!!! 😀
    Comunque, è vero che strada facendo s'impara tanto. Più che altro ci si perfeziona, non è un caso se gli inglesi dicono practice makes perfect 😉
    Brava Sonia, se mai mi capitasse di trovarmi dalle parti tue, questi crostini me li fai assaggiare. Tanto friggi tu, ahahahahah!!! 😀

  • Reply
    ricettesenzaglutine
    26 Giugno 2015 at 18:59

    Ultimamente ho trascurato la cucina (il lavoro chiamava…) 🙁 Però vedere questi meravigliosi stuzzichini mi riporta alla vita… mmm… fantastici! Per non parlare poi della torta che c'è sotto… che fame!
    Mitica come sempre <3
    Un bacione,
    Alessia

  • Avatar photo
    Reply
    lacassataceliaca
    27 Giugno 2015 at 10:28

    Mariabianca, e così ho fatto!!! ha ha ha vero!! baci cara e grazie!

    Minnie, certo che si! friggo io! ah se mi guardo indietro di strada ne ho fatta ma mi elettrizza sapere che ne devo fare ancora tantissima!! un abbraccio

    Alessia, grazie tesoro!! bacioni grandi

  • Reply
    enza accardi
    28 Giugno 2015 at 18:02

    Quindi che faccio, mi metto all'opera? Ma c'è qualcosa che qui nel tuo blog un fa grapiri u pitittu????? No….. decisamente non c'è!
    Ok, panatura come le arancine….. seguirò il consiglio

  • Reply
    enza accardi
    28 Giugno 2015 at 18:02

    Quindi che faccio, mi metto all'opera? Ma c'è qualcosa che qui nel tuo blog un fa grapiri u pitittu????? No….. decisamente non c'è!
    Ok, panatura come le arancine….. seguirò il consiglio

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    29 Giugno 2015 at 4:15

    Mi sono guardta il video con molta molta attenzione e devo assolutamente provare questa panatura con la pastella che io non ho mai provato nemmeno con le arancine che invece ho sempre impanato con uovo e pangrattato… 🙁
    Grazie mille, sei sempre una risorsa importante!!! E una garanzia!
    ps: cmq avere una suocera da cui poter apprendere delle ricette tradizionali è una delle cose che più ti invio! Io cerco di carpire segeti dalla nonna di mio marito, ma le cose me le dce sì e no… non ti dico per il suo cous cous che cmq rimane un mistero!!! 😀

  • Reply
    Natalia
    8 Settembre 2021 at 18:04

    Che voglia di rubartene uno al volo!!!! Super golosi.

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.