Focacce/ Prodotti da forno

Pinsa estiva senza glutine

Cet article est disponible en: Français (Francese)

Pinsa estiva senza stress

Pinsa estiva senza glutine - La Cassata Celiaca

Pinsa estiva senza glutine – La Cassata Celiaca

La pinsa estiva è un piatto NO STRESS e senza glutine.

Non chiamatela pizza, la pinsa è leggermente diversa, ve ho parlato già qui.

Impastata la sera, messa in frigo e con la continuazione della lievitazione l’indomani mattina, è una preparazione di tutto riposo.

Pinsa estiva senza glutine - La Cassata Celiaca

Pinsa estiva senza glutine – La Cassata Celiaca

Per condirla ho usato prodotti freschi che avevo in casa.

Per cominciare i pomodorini datterini che in assoluto sono i miei preferiti e che, di stagione, sono delle caramelle deliziose.

Poi i pomodorini gialli che trovo qui raramente e di cui finalmente ho fatto scorta.

Pinsa estiva senza glutine - La Cassata Celiaca

Pinsa estiva senza glutine – La Cassata Celiaca

Infine i formaggi freschissimi.

Mozzarelline e ricotta di primissima qualità freschi di giornata che già da soli davano un sapore magnifico.

Per dare colore e anche untuosità, ho preparato al volo il pesto di sedano e noci.

Pinsa estiva senza glutine - La Cassata Celiaca

Pinsa estiva senza glutine – La Cassata Celiaca

Mi erano rimaste le foglie di sedano con cui avevo preparato la caponata di melanzane qualche giorno fa e ne ho approfittato per usarle.

La pinsa è leggerissima e molto buona.

Scrocchiarella sui bordi e soffice all’interno, è squista anche senza condimenti.

Potete condirla con tutto ciò che avete, perché pur sempre di focaccia si tratta e per natura la focaccia è versatile.

Enjoy!


Pinsa estiva senza glutine - La Cassata Celiaca

Ingredienti per 2 pinse

200 g acqua

200 g Mix per pinsa senza glutine “Le selezioni di Fabio”

0,7 g lievito secco

12 g olio d’oliva

3 g sale

per il condimento:

mozzarelline

ricotta fresca

pomodorini

noci

per il pesto di sedano:

foglie di sedano

noci

formaggio grattugiato

sale

pepe

olio d’oliva quanto basta

 

Procedimento

La sera prima versa l’acqua in ciotola e sciogli al suo interno il lievito.

Unisci il mix ed impasta per qualche minuto, unendo alla fine il sale e l’olio.

Impasta ancora per qualche minuto, poi ungi bene una ciotola di plastica trasparente (io uso quelle del gelato da 1 kg) e versa al suo interno l’impasto.

Versa  dell’olio sulla pasta e appiattiscila in modo da renderla uniforme.

Chiudi la ciotola con il coperchio e riponila in frigo per tutta la notte.

Se vuoi consumare la pinsa a pranzo, tira fuori la ciotola dal frigo verso le 8.30 e lascia che la pasta raddoppi di volume.

Accendi il forno a 250° con la pietra refrattaria posizionata sulla griglia inferiore del forno.

Con una spatola dividi in due parti l’impasto direttamente nella ciotola e sistema ogni porzione su carta da forno infarinata con farina di riso finissima.

Con le mani unte allarga e stendi la pinsa il più sottilmente possibile, dandole una forma ovale.

Procedi allo stesso modo con l’altra metà di impasto, stendendolo su un foglio di carta da forno a parte.

Copri le pinse con pellicola unta e lascia lievitare mentre il forno si riscalda per bene.

Nel frattempo prepara il pesto di sedano.

Lava e asciuga le foglie e sistemale nel mixer.

Unisci qualche gheriglio di noce, del sale, del pepe e del formaggio grattugiato.

Inizia a mixare aggiungendo tanto olio quanto basta per ottenere una salsina ben omogenea.

Non indico le dosi esatte perché dipende molto dai gusti personali: ti consiglio di assaggiare di tanto in tanto il pesto per valutare se necessità di formaggio o sale in base ai tuoi gusti.

Quando il forno sarà ben caldo e la pietra rovente, inforna le pinse (con tutta la carta da forno) sulla pietra e lascia cuocere per circa 10 o 12 minuti (dipende dal tipo di forno).

Quando le pinse saranno ben dorate e con delle bolle gonfie, tirale fuori dal forno e condiscile.

Io ne ho condita una con ricotta fresca, pesto di sedano e pomodorini.

L’altra con pesto di sedano, pomodorini gialli e rossi, mozzarelline e noci sbriciolate.

Pinsa estiva senza glutine - La Cassata Celiaca

Consigli

Ti consiglio di tirare fuori l’impasto dal frigo circa 4 ore prima di infornare: io in casa al momento ho 30°, se fa più freddo aggiungi un’ora in più.

Puoi condire le focacce come preferisci e puoi anche consumarle al posto del pane.

Per pesare delle quantité di lievito così piccole, esistono in commercio dei cucchiai/bilancini perfetti per questo scopo.

Cet article est disponible en: Français (Francese)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.