Dolci/ video ricetta

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta

Cet article est disponible en: Français (Francese)

Banoffee pie senza glutine con toffee, banane e panna montata

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta - La Cassata Celiaca

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta – La Cassata Celiaca

La Banoffee pie è un dolce tipico della pasticceria inglese vintage.

Una base di biscotti frullati, uno strato di toffee, banane e tanta panna montata decorata con cioccolato fondente.

Esistono varie versioni di questo famoso dolce, ma io vi offro la mia versione senza glutine e senza caramello.

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta - La Cassata Celiaca

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta – La Cassata Celiaca

Ho fatto alcune ricerche sul web e alla fine ho deciso di seguire questa per due motivi.

Un motivo è che adoro il toffee, lo mangerei a cucchiaiate e proprio per questo evito di farlo.

Un secondo motivo è che la mia amica Federica ha seguito un’altra ricetta in cui si prevede la realizzazione di un caramello mou al posto del toffee ma in frigo indurisce troppo rendendo un poco difficoltoso il taglio.

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta - La Cassata Celiaca

Banoffee pie senza glutine, la video ricetta – La Cassata Celiaca

Visto che c’era ho anche deciso di girare il video della preparazione, magari serve a rendere meglio l’idea.

In coda alla ricetta vi darò dei suggerimenti per una resa migliore e vi consiglierò le cose da evitare.

La Banoffee pie è super buona!

Certo dovete essere fan sia del toffee che delle banane e non dovete scandalizzarvi di fronte ad un dolce molto “dolce”, dolcezza che è smorzata dalla presenza del cioccolato fondente.

Almeno una volta va preparato anche se, a mio avviso, è un dolce invernale che in estate con il forte caldo potrebbe non essere apprezzato al cento per cento.

Felice settimana, enjoy!

 

 


Banoffee pie senza glutine, la video ricetta - La Cassata Celiaca

Ingredienti per uno stampo da 20 cm:

225 g biscotti tipo Digestive (io ho usato i Cereal Bisco di Schär)

100 g burro fuso

375 g latte condensato senza glutine

2 banane mature

250 g panna fresca

1 cucchiaio di zucchero

1 cucchiaino di caffè solubile senza glutine

50 g cioccolato fondente senza glutine

 

Procedimento:

Riempi una capiente casseruola con dell’acqua, immergi la lattina di latte concentrato in modo da ricoprirla completamente con l’acqua, copri con un coperchio e lascia cuocere per 3 ore.

In alternativa puoi usare la pentola a pressione, immergere anche in questa la lattina in modo da coprirla con l’acqua e cuocere per 20 minuti a partire dal fischio del vapore.

Trascorso questo tempo, togli la lattina dall’acqua bollente e aspetta che sia fredda prima di usarla.

Nel frattempo prepara la base del dolce.

Versa nella ciotola di un mixer i biscotti e unisci il burro fuso e freddo.

Frulla per bene i biscotti.

Prendi uno stampo da 20 cm antiaderente e con il fondo amovibile e fodera il bordo con una striscia di acetato (oppure con carta da forno).

Versa nello stampo i biscotti e schiacciali per bene prima con il dorso di un cucchiaio e poi con le mani in modo da ottenere una base e un bordo lisci, uniformi e compatti.

Riponi lo stampo in frigo per circa due ore, ma puoi anche prepararlo il giorno prima.

Una volta che i biscotti e il latte concentrato sono ben freddi puoi assemblare il dolce.

Riprendi la base dal frigo e riempila con il latte concentrato, che dopo la cottura è diventato un cremoso toffee.

Livella bene e riponi in frigo nell’attesa.

Affetta le banane a rondelle e posizionale sul toffee, in modo da coprire tutta la superficie.

Riponi in dolce in frigo e occupati della finitura.

Monta la panna con lo zucchero e il caffè solubile.

Trita il cioccolato con un coltello.

Versa la panna in una sacca da pasticceria e decora il dolce riempiendo tutti gli spazi vuoti, questo eviterà alle banane di annerire.

Termina la decorazione con il cioccolato tritato e riponi il dolce in frigo per non meno di 8 ore, meglio una notte intera.

Note:

Il toffee ci mette parecchio tempo ad assumere la consistenza giusta in modo che, quando si affetta il dolce, il toffee non coli dalla fetta.

Per evitare che il toffee necessiti di una notte o anche un’intera giornata di riposo in frigo prima di assestarsi e che di conseguenza la panna montata si deteriori per l’eccessiva umidità, consiglio di usare un foglio di gelatina alimentare per il toffee.

Metti a mollo in acqua fredda il foglio di gelatina (circa 2 grammi), scaldi un paio di cucchiai di toffee in microonde  e incorpori la gelatina strizzata benissimo.

Mescoli e lo incorpori al resto del toffee.

Infine versi il toffee sulla base di biscotti e la riponi in frigo.

Quando il toffee si è rappreso, puoi decorare con le banane e la panna montata.

Questo passaggio (senza le banane) lo puoi anche fare il giorno prima.

Io ho usato i Cereal Bisco senza glutine: questi biscotti risultano molto rustici, hanno un sapore deciso e una granulometria che si sente sotto ai denti anche dopo averli frullati.

Se non ti piace questo risultato, puoi usare dei biscotti secchi classici in modo da ottenere una base dal gusto più neutro.

Più cioccolato tritato userai più smorzerai la dolcezza del toffee.

Le banane devono essere tagliate in rondelle non troppo sottili, ma vedrai che non le sentirai sotto ai denti e non avrai problemi al taglio della fetta.

Per via della panna montata questo dolce resiste 24 ore in frigo coperto da una campana per dolci.

Se ti piace il contrasto caffè-cioccolato, puoi raddoppiare la quantità di caffè solubile.

Questo dolce è come una cheesecake ma senza formaggio, se ti piace questo genere di dolci puoi cliccare qui per altri spunti.

Cet article est disponible en: Français (Francese)

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Katia D G
    26 giugno 2018 at 19:13

    Fantastico, questo dolce! Purtroppo è da tanto che non passo da te e ora sono felice di vedere che la tua voglia di creare dei capolavori non si è mai esaurita. Anzi, sei sempre più in gamba. Grazie!

    • Reply
      Sonia
      27 giugno 2018 at 17:09

      grazie Katiù, mi fai felice! bacioni

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.