Dolci

Kurtőskalács senza glutine

Cet article est disponible en: Français (Francese)

Kurtőskalács , il dolce street food

Kurtőskalács senza glutine - La Cassata Celiaca

Kurtőskalács senza glutine – La Cassata Celiaca

Buon dolce lunedì!

Il Kurtőskalács è un dolce tipico ungherese, un dolce street food, che viene venduto durante le sagre, le fiere, gli eventi in piazza, nei mercati. Si tratta di una pasta brioche tagliata a nastro, arrotolata su dei cilindri rotanti e cotta sulla brace.

Dolce antico il cui nome significa “camino dolce” da kürtő, adesso è venduto nelle pasticcerie diventando così un dolce da mangiare ogni volta che si vuole.

Kurtőskalács senza glutine - La Cassata Celiaca

Kurtőskalács senza glutine – La Cassata Celiaca

Esiste un macchinario apposito per prepararlo, che ovviamente qui da noi non si trova, ma seguendo le indicazioni sulla ricette e la preparazione trovate qui si può aggirare il problema.

Non ne avevo mai sentito parlare finché mia mamma prima, e mia sorella dopo, me ne hanno parlato.

Mia sorella ha seguito la stessa ricetta ma con un mix diverso e poi mi ha consigliato di prepararlo perché è troppo buono e in effetti è proprio così, è fin troppo buono!

Questo si prepara al momento, degustandolo mentre la parte esterna è ancora croccante e quella interna soffice. Dopo alcune ore perde leggermente di croccantezza, ma resta ancora ottimo.

Kurtőskalács senza glutine - La Cassata Celiaca

Kurtőskalács senza glutine – La Cassata Celiaca

Se cambiate miscela valutate bene l’apporto di liquidi, che io ho dovuto un poco aumentare.

Una volta cotti possono essere arrotolati nella granella di frutta secca, nel cioccolato a scaglie, nello zucchero, nella cannella, insomma ci si può sbizzarrire.

Bon, vi lascio alla ricetta.

Enjoy!

Buona settimana.


Kurtőskalács senza glutine - La Cassata Celiaca

Ingredienti

250 g Miscela per dolci lievitati senza glutine Molino Dallagiovanna

145 g latte

10 g lievito di birra fresco

1 uovo

1 tuorlo

30 g burro morbido

15 g zucchero semolato

per la finitura:

burro

zucchero

zucchero di canna

cannella in polvere

 

Procedimento

Sciogliere il lievito e lo zucchero nel latte appena tiepido.

Versare la miscela in una ciotola e versare il latte.

Impastare con un frullatore elettrico dotato di ganci a spirale e unire le uova.

Una volta che tutto si è amalgamato, unire il burro e impastare finché non è stato incorporato.

Infarinarsi un poco le mani e impastare finché non si ottiene un impasto omogeneo.

Coprire e lasciare lievitare un’ora.

Infarinare leggermente una spianatoia.

Stendere l’impasto in un disco sottile.

Infarinare una rotella, o un coltello a lama liscia, e tagliare la pasta a spirale partendo dall’esterno e cercando di farla di larghezza omogenea.

Avvolgere due mattarelli con carta alluminio e poi foderarli con carta forno.

Imburrare la carta da forno e avvolgerla con la spirale di pasta, evitando di sovrapporne i margini.

Imburrare anche la pasta con un pennello e arrotolarla su zucchero semolato, compattandola per bene.

Appoggiare i mattarelli su una teglia in maniera che stiano sollevati.

Infornare a 190° con funzione grill per 15′, girando i mattarelli ogni 4′ circa.

Togliere i mattarelli dal forno e rotolarle uno su zucchero di canna e l’altro su cannella in polvere.

Fare scivolare i rotoli dal mattarello e servire.

Kurtőskalács senza glutine - La Cassata Celiaca

Consigli

L’ideale sarebbe avere 2 mattarelli per la cottura e un terzo per stendere la pasta.

Io ne avevo due di lunghezza diversa, da 28 cm e da 20 cm, quindi mi è avanzata della pasta che ho cotto come se fosse un panino.

La cottura è con la funzione grill superiore, nel mio forno non l’ho potuto fare perché è troppo forte, quindi ho fatto una cottura di 13′ classica e 2′ sotto il grill girando i mattarelli dopo 1′.

In mancanza di più mattarelli potete usare anche contenitori cilindrici che possano andare in forno, ma considerate che devono avere le scanalature alle due estremità che permettano di metterlo sulla teglia altrimenti tenderà a scivolare.

 

 

 

Cet article est disponible en: Français (Francese)

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply
    Katia D G
    11 Luglio 2016 at 9:03

    Mi hai fatto tornare la voglia di viaggiare! L’ho mangiato a Lubiana dove ha un nome per me impronunciabile, Trdlelnik. Non ho mai pensato di farlo, con la scusa che non avevo l’apposito strumento, il Manicotto di Boemia. Ora che tu ce lo proponi in versione casalinga non ho più scuse! Ma, non sarebbe più semplice tornare in Slovenia? O tornare in Sicilia, per assaggiare anche la tua preparazione? Baciuzzi bedda!

    • Reply
      lacassataceliaca
      12 Luglio 2016 at 19:14

      ah manicotto di Boemia! che bello imparare cose nuove! grazie per la fiducia, ma devo dire che se non si hanno intolleranza è bello consumare il cibo di strada locale che si trova nei propri viaggi, quindi perché farli in casa quando è difficile replicarli?baciuzzi gioia bella!!

  • Reply
    Welda
    11 Luglio 2016 at 11:43

    Davvero bellissimi. Io li ho mangiati ad una fiera dove c’erano espositori internazionali… Il mio era anche farcito! Come al solito il lunedì mattina niente dieta 😉

    • Reply
      lacassataceliaca
      12 Luglio 2016 at 19:14

      siiii sul web li ho visto farciti, sono oscenamente golosi!! un abbraccio a te!

  • Reply
    Stefania
    12 Luglio 2016 at 7:09

    Eccolo!!! Buono, buono, buonissimo! Non abbiamo più limiti!
    Brava, baciii

    • Reply
      lacassataceliaca
      12 Luglio 2016 at 19:15

      siiiii! grazie ai tuoi consigli!! la prossima volta lo dobbiamo farcire come dice Welda!! bacetti

  • Reply
    Fabi Fabipasticcio
    14 Luglio 2016 at 12:12

    Come ti ho già detto, WOW!
    Lo devo provare a fare!
    Un abbraccio grandissimo

    • Reply
      Sonia
      15 Luglio 2016 at 17:17

      😀 siiii sono buoni!! grazie di cuore!! bacioni

  • Reply
    Elisa Giannetti
    18 Gennaio 2019 at 13:39

    Ho comprato proprio ieri su amazon il manicotto di boemia perché sono stata a Budapest e mi sono innamorata dei kurtos. Ovviamente ora stavo cercando la ricetta senza glutine perché mi serve per forza la sua variante e non volevo fare esperimenti a caso xD quindi eccomi qua. Oggi potrei già provarla! Userò dei mix diversi perché quella marca che hai scritto da me non esiste ma spero vengano lo stesso bene 🙂

    • Reply
      Sonia
      18 Gennaio 2019 at 14:43

      fantastico! Si cambia pure mix, di fatto è un impasto brioche, quindi puoi anche usare una ricetta che hai già, l’importante è fare attenzione alla quantità di liquidi,. Ripassa pure per dirmi com’è andata oppure taggami su facebook. Buon fine settimana.

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.