Non categorizzato

Mini pavlova ai frutti di bosco (per tutti e per celiaci)

Ingredienti:
per la meringa:
120 gr. albumi
120 gr. zucchero a velo (per me senza glutine Easyglut)
120 gr. zucchero semolato
1 cucchiaio aceto di vino bianco
15 gr. maizena (per me senza glutine Sma)
per la crema pasticcera di Luca Montersino:
200 gr. latte
100 gr. panna fresca
75 gr. zucchero
75 gr. tuorli
10 gr. amido di riso (per me senza glutine Easyglut)
10 gr. maizena  (per me senza glutine Sma)
per la finitura:
frutti di bosco
burro di cacao Venchi
gelatina alimentare a freddo

Tempo di preparazione: 1h

Solo per un contest potevo faticare tanto! In origine dovevano essere i macarons….altra storia che vi racconterò a giorni…..poi ho optato per delle mini pavlove o, se preferite, dei nidi di meringa, ma farciti in maniera diversa del solito (che prevede panna montata e fragole). Fatte le meringhe (due volte perchè la prima non ho azzeccato la cottura del mio forno e anche se apparentemente erano perfette, poi si sono rovinate diventando appiccicose) ho fatto un pellegrinaggio tra ieri ed oggi per trovare i frutti di bosco. Una roba da fare accapponare la pelle! Ho torturato mio marito con questo assillo, finchè oggi l’ennesimo fruttivendolo non ha detto “Signorina (?)…se li può scordare!” Manco per idea! non mi conosce il tipo, quando decido poche cose possono distogliermi dalla mèta. Niente frutti di bosco freschi? Ok, vada per quelli congelati! Ed ora eccomi qui a condividere questa ricetta che per me è “la mia prima volta con le meringhe”. La ricetta che ho usato gira per tanti blog, compreso Giallo Zafferano, quindi faccio fatica ad attribuirle la paternità, ma funziona. Ho fatto due cotture diverse, con forno statico e ventilato. Lo statico le lascia quasi del tutto bianche, ma necessita di cottura più lunga; il forno ventilato le cuoce a perfezione ma le fa ingiallire in superficie. Ho usato due confetture Fiordifrutta: con una ho farcito l’interno, con l’altra ho insaporito la crema pasticcera. Per impermeabilizzare le meringhe, in modo che non si inumidiscano troppo a contatto con la crema, ho usato il burro di cacao fuso e per fare attaccare ai bordi i frutti di bosco, ho pennellato i bordi con della gelatina alimentare a freddo. A mio avviso le meringhe vanno farcite e servite al momento, senza riposo in frigo. Il mio consiglio è di preparare tutto il giorno prima, le meringhe anche qualche giorno in più, in modo che la parte dell’assemblaggio del dolce non richieda più di 10 minuti (con la frutta fresca è più facile). Io sono rimasta estasiata dalla bontà di questo dolce che, per il contest, ho deciso di rendere “mini”, stile finger food. In una delle foto si vede quanto siano piccole. Le meringhe che rimangono vanno conservate in un barattolo di vetro. 

Si è capito che con questa ricetta partecipo al contest di Rigoni di Asiago?
… e visto che ci sono…partecipo al contest di Barbara del blog “Cucina di Barbara

Con questa ricetta ha il grande piacere di partecipare al contest di Michela del blog “Nonnarica

Preparazione:
– Versare gli albumi nella ciotola della planetaria.
– Mescolare lo zucchero semolato con quello a velo setacciato.
– Quando gli albumi cominciano a schiumare, versare la metà degli zuccheri.
– Versare l’aceto e la maizena setacciata e lasciare montare fino all’ottenimento di una massa bianca e setosa.
– Con molta cura incorporare gli zuccheri rimanenti con l’aiuto di una spatola.
– Versare la meringa in una sacca da pasticceria dotata di bocchetta rigata da 10mm.
– Foderare una placca da forno con carta forno e con la sacca formare dei nidi di meringa, facendo prima la base e poi passando due o tre volte sui bordi perchè siano rialzati.
– Cuocere in forno già caldo a 110° da un’ora a 75 minuti, mettendo un mestolo di legno tra lo sportello del forno in modo che fuoriesca l’eventuale umidità.
– A cottura ultimata, lasciare che le meringhe raffreddino del tutto nel forno.
– Procedere con la crema pasticcera mescolando i tuorli con lo zucchero e le polveri.
– Portare a bollore latte e panna e versare sui tuorli.
– Mescolare, rimettere in casseruola e cuocere finchè la crema non rapprende.
– Travasare la crema in una ciotola, coprire con pellicola a contatto e lasciare raffreddare.
– Aggiungere un cucchiaio di Fiordifrutta ai lamponi nella crema e mescolare.
– Far fondere un poco di burro di cacao e con un pennellino spennellare l’incavo e i bordi delle meringhe, lasciando che asciughi.
– Adagiare una piccola quantità di Fiordifrutta al ribes rosso nell’incavo delle meringhe e coprire con la crema pasticcera. 
– Pennellare i bordi della meringa farcita con della gelatina alimentare a freddo per far aderire i frutti  e decorare con i frutti di bosco a piacere.

You Might Also Like

19 Comments

  • Reply
    Barbara
    9 Giugno 2012 at 16:55

    Buon pomeriggio Sonia,
    grazie mille per aver deciso di partecipare anche al mio contest.
    Bellissime queste minipavlove, voglio usare la tua ricetta la prossima volta!
    Un abbraccio
    Barabra

    • Reply
      Sonia
      9 Giugno 2012 at 17:22

      grazie a te Barbara, hai sfornato un altro bel contest :-)) un abbraccio e buon we :-DD

  • Reply
    Tinny
    10 Giugno 2012 at 12:08

    Guarda che appena ti vedo ti dò due cocchi in testa….
    Petto di pollo al vapore e fagiolini bolliti….

  • Reply
    monica
    10 Giugno 2012 at 17:05

    concordo con le parole della Tinniade. Sono opere d'arte e quella manuzza lì che tende la pavlovina sei tu che la porgi a mìa?! solo così posso guardarle, sono bellissime Soniuz un bacio grande

  • Reply
    Sonia
    10 Giugno 2012 at 20:30

    Tinnyna, bedda matri come fai!! vabbene vabbene….da domani pollo schittu e fagiolini ;-)) hihihi

    Monica, si si proprio a te le porgevo…perchè? non ne vuoi?? anche tu pollo e fagiolini?? Tinny sta rovinando il mercato con questi consigli debosciati!! grazie ciccia e baciux :-XX

  • Reply
    stefy
    10 Giugno 2012 at 20:43

    Si presentano benissimo…..troppo belle da vedere…..io poi adoro in generale i frutti di bosco………….

  • Reply
    Elena
    12 Giugno 2012 at 8:47

    Mac…maca…macache? non li conosco….
    mamma mia sonia, bellissime!!!!!! sei insuperabile!

  • Reply
    Anna Lisa
    12 Giugno 2012 at 11:00

    La mia bava cola a mo' di coulisse sui tuoi frutti di bosco!!!!
    Strepitose, DEVI vincere!
    un bacione

  • Reply
    Sonia
    12 Giugno 2012 at 14:35

    Stefy, grazie e bacioni :–X

    Elena, ha ha ha aspetto te!! così li conosciamo insieme :-)) grazie bedda, baciuzzi :-XX

    AnnaLisa, ha ha ha grazie 😀 non vincerò mai nè l'uno nè l'altro, ma che non si dica che non m'impegno ;-)) bacioni :-X

  • Reply
    La Pozione Segreta - Vale
    12 Giugno 2012 at 14:35

    Sonia ma sono bellissime, ti sei superata stavolta! Chissà che delizia, troppo buone!

  • Reply
    Mariana
    12 Giugno 2012 at 17:54

    MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM……le sento già in bocca!!!!!!!!!!!io solo fagiolini,ma dopo…..ne posso avere tre?complimenti di cuore…..

  • Reply
    Annaly
    13 Giugno 2012 at 13:35

    Ma che meraviglia!!! mettono tanta allegria…e mi sa che sono anche ottime!!! 🙂
    Ciao…Annaly

  • Reply
    Sonia
    13 Giugno 2012 at 18:00

    Vale, ha ha troppo golose si si :-XX

    Mariana, cerrrrtttoooo grazie mille e bacetti :-XX

    Annaly, grazie davvero ciauuu :-DD

  • Reply
    Annaly
    14 Giugno 2012 at 8:14

    Non posso lasciare al caso i miei passaggi qui…mi aggiungo ai lettori fissi! 🙂 e passerò presto a prendere spunto dalle tue ricette 🙂

  • Reply
    Sonia
    14 Giugno 2012 at 8:25

    Annaly, ha ha ha grazie! ma certo, prendi pure, ne sono lieta :-DD

  • Reply
    Maria Luisa
    15 Giugno 2012 at 21:10

    Meraviglia, voglio provarli! hai già vinto per la voglia che ci hai fatto venire di rifarle! complimenti…

    • Reply
      Sonia
      24 Maggio 2013 at 16:40

      :-X

  • Reply
    Michela Romanello
    24 Maggio 2013 at 16:20

    Caspita che bravaaa! Inserisco subito la ricettina! Grazie Sonia!

    • Reply
      Sonia
      24 Maggio 2013 at 16:41

      grazie mille a te :-X

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.