Secondi di verdure

Polpette senza glutine con ricotta e asparagi

Polpette senza glutine con ricotta e asparagi, una ricetta del riciclo senza uova

Polpette senza glutine con ricotta e asparagi - La Cassata Celiaca

Polpette senza glutine con ricotta e asparagi – La Cassata Celiaca

Le polpette senza con ricotta e asparagi sono un ottimo secondo piatto del riciclo.

Preparate con avanzi di ricotta e per usare gli asparagi che giacevano in frigo, sono degli sfiziosi bocconcini con un cuore piccante a base di formaggio primosale al peperoncino.

Del formaggio primosale vi avevo parlato qui e siccome ne era avanzato un pezzetto, perché non dare una bella botta di sapore a queste polpettine deliziose?

Essendo una ricetta del riciclo ho deciso di usare ciò che avevo in casa e non avevo più uova.

Come fare?

Ho ricordato che una volta ho usato i semi di chia come sostituti delle uova e anche stavolta ho fatto così.

Polpette senza glutine con ricotta e asparagi - La Cassata Celiaca

Polpette senza glutine con ricotta e asparagi – La Cassata Celiaca

Inoltre, e non è poco, non c’è frittura.

Ho deciso di anticipare le vostre domande (posso cuocere le polpette in forno?) e di tenermi leggera, quindi ho cotto tutto in forno.

Se mangiate queste polpettine appena sfornate, troverete il formaggio filante e piccante che è davvero delizioso.

Infine gli asparagi. Ne avevo un mazzo intero e siccome ho cotto tutto al vapore, ho deciso di guarnire anche gli asparagi con il primosale al peperoncino e di passarli pochi secondi sotto il grill affinché si sciogliesse.

Un secondo piatto molto buono, sano, leggero con pochi ingredienti e senza stress.

Enjoy!

 

 

 

 


Polpette senza glutine con ricotta e asparagi - La Cassata Celiaca

Ingredienti per 10 polpettine:

100 g ricotta

1 mazzetto di asparagi

2 cucchiai di grana grattugiato

1 cucchiaio di pangrattato senza glutine

10 g semi di chia

35 g acqua calda

pepe

sale

pangrattato senza glutine

primosale al peperoncino

 

Procedimento:

Piega ogni asparago finché non si spezza, tieni la parte con la punta e metti via la parte più legnosa e dura.

Lava gli asparagi e cuocili a vapore per circa 20′.

Metti i semi di chia in una ciotolina e versa  l’acqua molto calda, mescola e lascia riposare per circa 15′.

Versa la ricotta ben sgocciolata in una ciotola, aggiungi il grana grattugiato, il cucchiaio di pangrattato, del pepe e un pochino di sale.

Quando i semi di chia saranno diventati gelatinosi, aggiungili alla ricotta.

Taglia a piccoli pezzi una parte degli asparagi e aggiungili alla ricotta.

Mescola bene il tutto.

Inumidisciti le mani e forma delle piccole palline.

Inserisci al centro di ogni polpettina dei piccoli pezzetti di primosale, richiudi la polpetta e passala nel pangrattato.

Una volta formate tutte le polpettine, sistemale su di una teglia coperta da carta da forno e condiscile con un filo d’olio d’oliva.

Cuoci le polpette a 180° per circa 20′, rigirandole dopo metà tempo.

Nel frattempo sistema gli asparagi rimasti su di un piatto, guarniscili con il primosale e passali sotto il grill giusto il tempo di far fondere il formaggio.

Note:

Se vuoi la versione vegana di queste polpette scegli della ricotta vegetale e del formaggio di soia.

Se ti piacciono le polpette più sfiziose, puoi friggerle  invece che cuocerle al forno.

Se ami la cucina del riciclo, ecco altri spunti gustosi.

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    saltandoinpadella
    17 maggio 2018 at 16:12

    Ma che bel piatto, mi hai fatto venire una fame che non ti dico. Sai che voglio provare anche io la cosa dei semi di Chia per tenere le polpette? non ci avevo pensato. Io non li amo molto perchè non mi piace la loro consistenza gelatinosa. Qui alla fine come si sentono?

    • Reply
      Sonia
      17 maggio 2018 at 16:54

      Grazie! in realtà non si sentono, ma permettono alla polpetta di non disfarsi in cottura. Un caro saluto.

  • Reply
    Natalia
    20 maggio 2018 at 6:46

    Sfiziose queste polpette. Ultimamente metto anche io i semi di chia dappertutto.
    Buona domenica cara.

    • Reply
      Sonia
      21 maggio 2018 at 12:11

      ah si? sai che non ricordo mai di averle? se non fosse perché non avevo più uova le avrei scordate anche stavolta, invece sono davvero buone. Un bacio e buona settimana.

    Leave a Reply

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.