Piatto unico/ Secondi di carne

Monachelle, ovvero patate con polpette di carne in umido

 

Monachelle, ovvero patate con polpette di carne in umido - La Cassata Celiaca

Monachelle, ovvero patate con polpette di carne in umido – La Cassata Celiaca

 

Buon mercoledì,

oggi vi offro un piatto della tradizione culinaria di mia suocera, palermitana doc.

Ricetta della sua famiglia che sta tramandando a noi nuore e che a casa sua si chiamano Monachelle.

Ho cercato su internet e non c’è traccia di questa ricetta in questa versione, quindi se siete di Palermo e dintorni e se la conoscete, raccontatemi pure come la preparate a casa vostra.

Vi è mai capitato di mangiare in trattorie con cucina casereccia? sapete quella cucina  molto legata alla tradizione locale, poco elaborata che sa di buono e genuino come se mangiaste a casa vostra?

Ecco cosa sono le monachelle!

Io non ho potuto assaggiarla perché ho dimenticato di portare il mio pane senza glutine, ma mi sono fatta raccontare per filo e per segno come si preparano e le ho rifatte senza glutine.

Le polpette sono cotte in umido, tengono bene la forma e dentro rimangono morbidissime.

E’ un piatto davvero molto, molto buono che merita di essere tramandato e offerto ad amici e parenti nelle fredde giornate invernali.

Grazie per essere passati e  a presto.


Monachelle, ovvero patate con polpette di carne in umido - La Cassata CeliacaIngredienti per 4 persone

1 kg patate a pasta gialla

750 g. carne di vitello macinata

2 fette di pane casereccio (per me senza glutine)

3 cucchiai di formaggio grattugiato (io caciocavallo ragusano)

3 uova

1 tazzina da caffè di latte

pepe

sale

un cucchiaio di prezzemolo tritato

1 dado di carne

1 cipolla

olio d’oliva

 

Procedimento

Soffriggere in un larga casseruola la cipolla finemente tritata in olio d’oliva.

Pelare, lavare e tagliare a cubetti non troppo grandi le patate.

Aggiungere le patate in casseruola, aggiungere pepe e dado e lasciare cuocere a fiamma moderata, devono colorire senza bruciare.

Lasciare cuocere per circa 25′ staccando di tanto in tanto le patate dal fondo della casseruola e rigirandole.

Nel frattempo preparare le polpette.

Togliere la crosta del pane casereccio e tagliare il pane a cubetti.

Versarli in una ciotola e aggiungere il latte, lasciando che venga assorbito.

Schiacciare con le mani il pane riducendolo a purea e aggiungere le uova, il formaggio, il pepe, il sale, il prezzemolo e la carne.

Lavorare per bene tutto, impastando finché non si ottiene un composto ben amalgamato.

Con le mani umide formare delle palline di impasto della dimensione di una noce (ne ho ottenute 47 in tutto e ne ho usate 30 per questa ricetta).

Versare acqua nella casseruola con le patate fino quasi a coprirle (vedere foto), adagiare le polpette affiancandole e non sovrapponendole, coprire e lasciare cuocere circa 40′ a fiamma molto bassa.

Togliere il coperchio e lasciare cuocere altri 5′ a fiamma un po’ più alta in modo che il liquido in eccesso si restringa un poco, ma non deve asciugarsi troppo perché le patate continuano ad assorbirlo anche a fiamma spenta.

Spegnere la fiamma e lasciare riposare una decina di minuti.

Servire spolverando di prezzemolo tritato.

Monachelle, ovvero patate con polpette di carne in umido - La Cassata Celiaca

 

You Might Also Like

22 Comments

  • Reply
    Natalia
    15 Gennaio 2014 at 7:09

    I miei bambini adorano le polpette fatte così ma questa versione proprio mi è nuova e mi piace tantissimo. Te la copio naturalmente"
    Baci, baci.

  • Reply
    Fabipasticcio
    15 Gennaio 2014 at 8:14

    qui le polpette vanno sempre per la maggiore. La ricetta la metto nella wish list e proverò a farla anche senza derivati del latte.
    Grazie tesoro <3
    A rileggerci presto sempre tra ricette e tanti sorrisi 😀

  • Reply
    paneamoreceliachia
    15 Gennaio 2014 at 8:23

    Io se vedo polpette, come i bambini, vado in visibilio. Lo so, sono una sempliciotta, ma a me la polpetta mi fa gola! Queste ora le chiamiamo con il loro giusto nome (troppo carino) monachelle e ce le pappiamo una dietro l'altra. Super buone…
    baci
    alice

  • Reply
    Memole
    15 Gennaio 2014 at 9:11

    Che ricettina appetitosa!!!

  • Reply
    Any
    15 Gennaio 2014 at 10:41

    Che buono!!! Questa ricetta la devo provare per forza, troppo buona e mi sa veramente di casa, di caldo, perfetta per le serate fredde.

  • Reply
    paola
    15 Gennaio 2014 at 13:58

    che bel secono con contorno, complimenti per cena sono ottime

  • Reply
    Dolcinboutique
    15 Gennaio 2014 at 15:02

    Accoppiata perfetta patate e polpette direi, mi viene l'acqualina solo a vederle in foto! Che bella ricetta, sa davvero di casa e famiglia :). Un abbraccio cara Sonia!

  • Reply
    Ketty Valenti
    15 Gennaio 2014 at 15:54

    Ottimo piatto qualcosa di molto simile lo preparo di tanto in tanto per cena…MMMm
    ho notato che hai cambiato "vestito" al tuo blog….mi piace essenziale e ricoscibile,un abbraccione Soniuz!!!!
    Z&C

  • Reply
    Valentina - La Pozione Segreta
    15 Gennaio 2014 at 16:10

    Che bontà…un piatto di cui non mi stancherei mai!

  • Reply
    Mariana
    15 Gennaio 2014 at 18:00

    Io le faccio sempre con i pisellini in umido e poi ci metto una speuzzata di peperoncino piccante!!!!! Brava brava…

  • Reply
    La Gaia Celiaca
    15 Gennaio 2014 at 18:24

    ciccia, sono proprio una delle cose che mi potrebbero far impazzire.

    e poi…

    ma ti rendi conto che è quasi uno spezzatino?…


    anzi, è uno spezzatino 😉 uno spezzatino di polpette.
    via su un piccolo sforzo, mettiamoci uno dei 2877 pani che hai fatto, e ci siamo. non posso concepire un MTC senza di te!

  • Reply
    Sonia
    15 Gennaio 2014 at 19:38

    Natalia, grazie mille cara, baci!

    Fabiana, mi piace che ti piaccia! sono curiosa di vedere le tue modifiche per i senza….sorrisi e baci!

    Alice, siamo due sempliciotte allora, anche a me piacciono molto, di ogni tipo, grazie e bacioni cara!

    Memole, grazie mille!!

    Any, verissimo, è perfetta per quando fa freddissimo…grazie e baci

    Paola, grazie mille cara!

    Angela, sei un tesoro! bacioni

    Ketty, grazie ciccia! sono contenta che il look piaccia, a me piace molto e speravo piacesse anche a voi…bacioni cara!

    Valentina, e siamo due! grazie mille!

    Mariana, mih….che bella idea!!! la prossima volta faccio le due versioni…grazie e baciiiii

    Gaia, mihhhhh verissimo! è che quando l'ho fatto ancora nun se sapeva nulla!! vado a vedere se ci posso mettere una pezza, il pane squisito l'ho fatto oggi 😉 grazie carissima

  • Reply
    Fimère
    15 Gennaio 2014 at 20:57

    ça a l'air tout à fait délicieux j'adore
    bonne soirée

  • Reply
    Stefania
    15 Gennaio 2014 at 21:19

    Vedi, a volte le migliori ricette sono quelle delle cuoche di famiglia.
    E poi a mangiare le polpette in umido ci si sente decisamente meno in colpa che non a mangiare quelle fritte, quindi evviva le ricette di famiglia light!
    Anche io metterei una generosa manciata di peperoncino come suggerito da Mariana, sembra che di cucina ne capisca qualcosa quella donna ihihih!!!
    Baciii

  • Reply
    marifra79
    15 Gennaio 2014 at 23:21

    A casa farebbero follie per un piatto così! Le ricette di famiglia e della tradizione sono sempre le migliori! Un abbraccio

  • Reply
    Franci
    16 Gennaio 2014 at 9:17

    Mi hai fatto ricordare la mia infanzia.Le chiamavamo " le polpette del nonno" e…buonissime.Voglio farle ora col formaggio che ci metti tu…sempre se lo trovo qui 🙂

  • Reply
    sandra neiva
    16 Gennaio 2014 at 15:12

    Gosto muito de almôndegas e assim cozinhadas parecem ser ainda mais deliciosas e saborosas, estão lindas.

    Beijos

  • Reply
    Sonia
    16 Gennaio 2014 at 18:26

    Fimère, merci et bonne soirée.

    Stefania, ma perchè…la conosci anche tu questa Mariana? anche a me è giunta voce che sappia cucinare…. ha ha ha! Sono buonissime, altro che sensi di colpa! grazie e baciiiii

    Marifrà, vero!! grazie cara, un abbraccio!

    Franci, grazie!! metti pure il formaggio saporito che trovi lì, verranno buoni. bacioni cara

    Sandra, grazie mille! un bacio

  • Reply
    Acqua e Menta
    17 Gennaio 2014 at 15:27

    Wooow…. non conoscevo questa ricetta, è fantastica! D'altra parte, come dici tu, non c'è traccia di questa ricetta su internet quindi… grazie mille per averla pubblicata!

  • Reply
    Sonia
    17 Gennaio 2014 at 18:28

    grazie mille a te per essere passata!!

  • Reply
    Anonimo
    1 Aprile 2015 at 2:43

    io sono palermitana e stavo cercando questa ricetta sul web perchè mia nonna me le preparava sempre da bambina ^__^ grazie grazie grazie!

    • Reply
      lacassataceliaca
      1 Aprile 2015 at 13:57

      che bello leggere questi commenti! grazie di cuore a te!

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.