cioccolato/ Dolci

Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu

Cet article est disponible en: Français (Francese)

Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu - La Cassata Celiaca

Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu – La Cassata Celiaca

Buon dolce, anzi dolcissimo lunedì!

Non so voi, ma io quando riesco a fare una cosa che reputo difficile e mi viene dignitosamente bene gongolo come una bimba in mezzo ai suoi giocattoli preferiti!

Molti, moltissimi mesi fa ho registrato una puntata di “50 sfumature di cioccolato” di Gianluca Aresu in cui preparava questi piccoli scrigni di cioccolatosa bontà.

Ho visto la puntata (e non esagero) almeno 6 volte dicendomi che era finalmente arrivato il momento di osare, ma vuoi il troppo caldo che qui è iniziato a giugno e finito a fine ottobre, vuoi il terrore di sbagliare e fare uno spatascio che mi avrebbe tolto per anni il piacere di riprovare, vuoi il fatto che dovevo comprare lo zucchero invertito e lo dimenticavo sistematicamente e strategicamente forse.

Per farla breve, 4 giorni fa ho finalmente deciso.

Aresu diceva in questa puntata che c’era modo di preparare lo zucchero invertito in casa e io mi son detta che se mi scocciava uscire a causa del pessimo tempo che tempo che avevamo potevo comunque risolvere.

Ho scritto ad Aresu chiedendogli lumi, ha letto ma non ha risposto…ok!

Mi sono rivolta allora alla brigata più numerosa di pasticceri che si riuniscano in un unico luogo (le Blogalline) e ho chiesto aiuto a loro: senza esagerare…. in dieci minuti ho avuto ciò che mi serviva!

Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu - La Cassata Celiaca

Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu – La Cassata Celiaca

E’ accorsa in mio aiuto Alessandra, che di dolci se ne intende davvero molto, che mi ha passato la sua ricetta del golden syrup e io ho pensato che forse avrebbe fatto benissimo le veci dello zucchero invertito e così è stato.

Semplicissimo da fare e davvero molto, molto buono!

Dopo di che ho preparato la ganache che è così buona che si stenta a crederci e infine ho temperato il cioccolato per ben 4 volte in 12 ore!

Io ho solo questo stampo per praline, da 14 porzioni, benché abbia ridotto ad un quarto le dosi della ricetta uno stampo  non mi è bastato.

Quindi l’indomani mi sono rimboccata le maniche e ho fatto uno sfacelo in cucina, cioccolato ovunque, un sacco di roba da lavare ma che soddisfazione!

I cioccolatini sono peccaminosi, strepitosi e vale la pena perderci del tempo; l’interno è colante e fa un delizioso contrasto col guscio croccante, la vera bravura sta nel fare i gusci sottili… ci riuscirò!

Buona settimana!


Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu - La Cassata CeliacaIngredienti per circa 28/30 cioccolatini

per la ganache al caffè:

50 g caffè espresso

20 g sciroppo di glucosio

17 g zucchero invertito (per me golden syrup)

145 g cioccolato bianco senza glutine

20 burro di cacao

per il guscio:

300 g cioccolato bianco senza glutine

burro di cacao fuso

cacao amaro in polvere senza glutine

per il golden syrup di Alessandra:

40 g zucchero

10 g acqua

200 g zucchero

120 g acqua bollente

1 fettina di limone

 

Procedimento

Per il goden syrup leggete direttamente la ricetta da Alessandra.

Per la ganache:

Far fondere il cioccolato bianco quasi del tutto.

Scaldare il caffè con il golden syrup e lo sciroppo di glucosio.

Versare il caffè caldo sul cioccolato bianco e mescolare dal centro evitando di far incorporare aria.

Versare il burro di cacao fuso e incorporare come sopra.

Coprire con la pellicola e tenere da parte.

Sporcare con un poco di burro di cacao fuso l’interno dello stampo.

Spolverare di cacao amaro senza eccedere.

Togliere via l’eccesso e ripulire i bordi dello stampo.

Per il guscio:

Temperare il cioccolato e versarlo nello stampo, togliendo l’eccesso e cercando di ripulire i bordi aiutandosi con una spatola.

Assemblaggio:

Aspettare che il cioccolato rapprenda e riempire i gusci con la ganache, lasciando un poco di spazio anche per il cioccolato di copertura.

Congelare i cioccolatini oppure farli asciugare anche una notte.

Ri-temperare il cioccolato bianco e versarlo sui cioccolatini congelati (o ben rassodati), spatolare la superficie per livellare il cioccolato e far si che ricopra per bene la superficie e togliere l’eccesso.

Lasciare che il cioccolato solidifichi per bene e smodellare.

I cioccolatini hanno circa un mese di vita, conservati fuori dal frigo.

Cioccolatini al cappuccino di Gianluca Aresu - La Cassata Celiaca

Cet article est disponible en: Français (Francese)

You Might Also Like

26 Comments

  • Reply
    Natalia
    26 Gennaio 2015 at 6:30

    Ecco! Io queste preparazioni non le faccio mai proprio per paura di sbagliare e come dici tu per il fatto che poi ti passa la voglia di riprovarci per molto tempo!!!
    Sono bellissimi. Si mangiano con gli occhi!!!! Salvo ogni cosa ma chissà quando avrò il coraggio!
    Baci cara e grazie per la ricetta.

  • Reply
    Paola Sabino
    26 Gennaio 2015 at 6:43

    Intanto ti faccio i complimenti per questi cioccolatini, che sono davvero troppo goduriosi 🙂 Quel ripieno ha una faccia fantastica. Le bloggalline sono sempre una garanzia di aiuto, rapido e davvero sicuro 🙂 Meglio rivolgersi a loro direttamente, bypassando chi invece le da le ricette. E' un vero peccato vederne l'indisponibiltà. Ma tant'è, tu ci sei riuscita lo stesso meravigliosamente e quindi ora goditi il gongolamento 🙂 Buon inizio settimana 🙂

  • Reply
    Any
    26 Gennaio 2015 at 9:01

    Il fatto che tu abbia scritto ad Aresu per chiedere un consiglio senza che lui ti risponda, francamente non penso che li faccia tanto onore. E questo lo dovevo dire!
    I cioccolatini sono bellissimi, complimenti, anche questa è una vittoria!!! Brava Sonia!
    Buon lunedì cara, a presto!!!!

  • Reply
    Sabrina Fattorini
    26 Gennaio 2015 at 10:42

    Che meraviglia!!! Sei stata bravissima!!! Diciamo che Aresu è molto impegnato, ma la tua tenacia è stata più che premiata dalla golosità che hai prodotto!!! Hai tutta la mia ammirazione!!!

  • Reply
    Valentina
    26 Gennaio 2015 at 11:01

    Ma sono qualcosa di meraviglioso questi cioccolatini, Sonia! Potrei mangiarne quintalate!!! 😀 Bellissimi e golosi… Aresu è una garanzia e tu non sei affatto da meno, sempre grande <3 Un abbraccio immenso, complimenti!!! 🙂 <3

  • Reply
    Ale
    26 Gennaio 2015 at 15:43

    stupendi i tuoi cioccolatini e grazie della menzione mia cara <3

  • Reply
    Stefania FornoStar Oliveri
    26 Gennaio 2015 at 16:12

    No, mi sa che io non ci riuscirò mai… siete troppo brave per me!

  • Reply
    paola
    26 Gennaio 2015 at 16:47

    cioccolatini divini,superbi,golosi,da fare assolutamente

  • Reply
    Katia D G
    26 Gennaio 2015 at 17:18

    Cioccolatini da assaggiare, anche svariate volte, sicuramente. Da fare, non sarei proprio capace. Straordinariamente brava, come sempre.

  • Reply
    lacassataceliaca
    26 Gennaio 2015 at 17:49

    Natalia, grazie a te carissima, un bacione

    Paola Sabino, grazie mille! si capisco che sono straimpegnati e oberati di lavoro, ma come l'hai letto il messaggio dimmi pure che non mi puoi dare la ricetta e amen…ma lo perdono, è troppo bravo!! ha ha ha un caro saluto a te!

    Any, ma si dai….è bravissimo e glielo concedo di non avermi risposto, meno male che ho chiesto altrove e ho risolto, salvo poi scoprire che se facevo la ricerca della ricetta in francese la trovavo subito..ha ha , grazie mille tesoro e bacioni

    Sabrina, grazie mille!! certo ci ha messo mesi la mia tenacia a venire fuori, ma ne è valsa la pena! si lo so che è impegnato, ma io ci ho provato lo stesso a disturbarlo….non si sa mai, un abbraccio a te

    Valentina, fossi anche solo come il dito mignolo di Aresu intanto sarei una mongolfiera perché trangugerei cioccolato di continuo e poi mi sentirei stra mega brava!! ma mi accontento di quello che sono riuscita a fare, del resto lui spiega davvero bene, bisogna proprio essere refrattari per non capire. grazie di cuore e bacioni grandi!

    Ale, grazie sicuramente a te!!! baci

    Stefania, ma quando mai!!!!ti ricordo dei capolavori di torte decorate che sei riuscita a fare e che dimostrano grande manualità!!

    Paola, grazie di cuore!!

    Katia, ha ha ha svariate volte di sicuro! mih….grazie mille!! sei un vero tesoro! baciuzzi

  • Reply
    Stefania
    26 Gennaio 2015 at 18:49

    Fantastici!!! Ma quanto brava sei???
    Saranno uno tira l'altro e un altro e un altro ancora finché non li fai fuori tutti 🙂
    Bascetti

  • Reply
    spuntiespuntini senza glutine
    26 Gennaio 2015 at 20:29

    Che chicheria!!! Miii lavorone…un pacchettino per noi!!?? Le tazzine danno un tocco davvero originale…noi le abbiamo uguali!! 😉

  • Reply
    Michele Torazza
    26 Gennaio 2015 at 21:22

    Sonia, dopo aver letto il tuo post sono contento per diversi motivi: prima di tutto mi hai dolcificato l'inizio settimana con questi cioccolatini super sfiziosissimi. Secondo: finalmente ho imparato un'alternativa semplice allo zucchero invertito. Terzo: ho capito di non esser l'unico a verniciare le ante della cucina con il cioccolato fuso :-D.
    Volevo farti una domanda, in merito al cioccolato e al suo temperaggio, che è un po' che mi ronza in testa. Montersino e altri pasticceri forniscono diverse alternative per il temperaggio, da quello classico (spatolamento su marmo) all'inseminazione fino ad arrivare al microonde. Ora, innanzitutto io ho provato sia lo spatolamento che l'inseminazione ma il primo rispetto al secondo mi pare decisamente più complicato (oltre a rendere il mio tavolo di okite impraticabile :-D). Inoltre nel metodo classico si abbassa la temperatura per poi farla rialzare mentre nell'inseminazione la si porta direttamente alla temperatura di utilizzo (e questo semplifica ulteriormente il procedimento). E ora vengo alla domanda (e tu dirai: finalmente!): ma allora perché uno dovrebbe utilizzare il primo metodo? E' forse migliore per qualche ragione? Oppure sto semplificando troppo il secondo metodo e sto sbagliando qualcosa? Intanto adesso ti saluto e ti auguro buona serata (o forse vista l'ora sarebbe meglio dire buonanotte :-))

  • Reply
    enza accardi
    26 Gennaio 2015 at 21:30

    no aspè…… tu così mi fai togliere il vizio di entrare nel tuo blog. Ma davvero mi vuoi ammazzare? Ma davvero vuoi che mi metto qui a sbavare? Sonia, scusa eppuretichiamilarosacomemeMANONTIVIENEILRIMORSODIBUTTAREUNAVOCECHEIOARRIVO ….. AH?????

  • Reply
    lacassataceliaca
    26 Gennaio 2015 at 22:06

    Stefania, la pensa come te tuo cognato! ha ha ha. grazie ciccina bella, bacetti!!

    Spuntine, ha ha ha a noi le ha regalate la suocera…..a voi ne spetterebbero na carrittiata altro che

    Michele, ha ha ha io antine, pavimento, me stessa!! anche io ho letto tutto sul libro di Montersino, ma ti dirò che ho preso più coraggio vedendolo in tv in decine decine di puntate. Io uso una lastra di granito da un metro che mi trovo in casa e la inzozzo di brutto, ma poco importa nel mio caso. Ho capito due cose: va temperato un quantitativo di cioccolato di almeno 500 g di meno non vale la pena e viene male e serve un termometro,almeno per me che sono profana. Io penso di sapere che il ciocco fuso a bagnomaria è a 45° invece quello è a 52° e devo aspettare mescolando….io credo di sapere afare quel poco che so fare spatolando sul piano 3/4 della massa fusa, ma so che si può temperare in microonde facendo girare pochissimi secondi poi mescolando e ancora scaldando, ma credo bisogna avere parecchia esperienza per non sbagliare e allora faccio come gli antichi. Oppure fondere parte della massa e inserire il ciocco tritato per abbassare la temperatura, ma anche li credo ci voglia esperienza che io non ho. Quindi non resta secondo me che tentare e ritentare finché non troviamo il nostro giusto metodo e nel frattempo mangiamo! buona notte e grazie mille!

    Enza, m'affacciàvu a la finestra e ti chiamàvu ma tu unni èratu??? e così ti pagavu per il fatto che ti finisti sula gli involtini di lusso!! ha ha ha secondo me chi ci legge pensa che siamo uscite fuori di senno! ca ni fumammu u basilicò! troppo ridere ragazza mia!! baci

    • Reply
      enza accardi
      27 Gennaio 2015 at 22:54

      Giuro Sonia, che leggo e rido …. rido e leggo….. hai ragione 1 a 1 e palla al centro!!!!! Sei mitica. Buona notte

    • Reply
      lacassataceliaca
      28 Gennaio 2015 at 15:42

      Enza, ha ha ha MUORO!

  • Reply
    Nadji K.
    26 Gennaio 2015 at 22:13

    Une très belle réalisation et très gourmande en plus. Bravo!!!!
    A bientôt

  • Reply
    Michele Torazza
    26 Gennaio 2015 at 22:42

    Ah ah, hai proprio ragione: tentare con mangiare mi sembra un connubio perfetto! Però non è giusto: tutti questi chef sono in formissima mentre io ho la panzetta che avanza! Mi sa che comincerò a fare jogging… Ma non per dimagrire, ma per poter tentare e mangiare di più! Ciau!

  • Reply
    Luisa Piva
    27 Gennaio 2015 at 10:14

    ahhh.. tentazione pura davvero! sono bellissimi… che brava!

  • Reply
    Emanuela Martinelli
    27 Gennaio 2015 at 15:00

    Dopo aver letto la tua ricetta non ci resta che chiudere gli occhi e sognare!!! Tesoro è favolosa!!!!!

  • Reply
    lacassataceliaca
    27 Gennaio 2015 at 18:19

    Nadji, merci mon amie! bonne soirée.

    Michele, sono in forma? ma se hanno le casacche che li coprono fino alle ginocchia!! ha ha ha

    Luisa, grazie carissima, un bacio!

    Emanuela, naaaaa devi farli, quella si che è pura goduria! grazie gioia, un abbraccio!

  • Reply
    fimère .b
    27 Gennaio 2015 at 20:35

    ça a l'air vraiment succulent bravo
    bonne soirée

    • Reply
      lacassataceliaca
      28 Gennaio 2015 at 15:42

      merci Fimère, à bientôt

  • Reply
    Valentina Spinetti
    30 Gennaio 2015 at 12:12

    bravissima!!! Bella ricetta ed eccellenti fotografie 😉 A presto

    • Reply
      lacassataceliaca
      30 Gennaio 2015 at 18:08

      Grazie mille Valentina, buon week-end

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.