Non categorizzato

Liquore Bicérin e un premio

Ingredienti:
200 ml alcool al 95°
1 lt latte intero
700 gr. zucchero
1/2 bacca di vaniglia
200 gr. cacao amaro
Tempo di preparazione: 10 min.
Preparazione:
Il Bicerin (pronunciato [bitʃeˈriŋ] in piemontese, letteralmente bicchierino) è una storica bevanda calda e analcolica tipica di Torino, evoluzione della settecentesca “bavareisa“, gustosa bevanda servita in grandi bicchieri tondeggianti, composta da una mescolanza di caffè, cioccolato e crema di latte dolcificata con sciroppo.
Il rituale del bicerin prevedeva che i tre ingredienti fossero serviti separatamente. Inizialmente erano previste tre varianti: pur e fior (l’odierno cappuccino), pur e barba (caffè e cioccolato), ’n pòc ’d tut
(ovvero un po’ di tutto), con tutti e tre gli ingredienti miscelati. È
stata quest’ultima formula ad avere più successo e a prevalere sulle
altre. Una curiosità che è rara da leggere è che il tutto veniva
accompagnato da dei “bagnati”, dolcezze artigianali di ben 14 specie.
Tra i primi testi che raccontano la storia del Bicerin c’è il testo
di Alberto Viriglio “Torino e i Torinesi”; la prima edizione risale ai
primi anni trenta.
Nel 2001 il Bicerin è stato riconosciuto come “bevanda tradizionale piemontese” con pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte.
Si ritiene che la sua origine sia dovuta ad uno storico locale
torinese che da allora ne porta il nome e ne conserva gelosamente la
tradizionale ricetta, difesa accanitamente: i dipendenti sono tenuti,
per contratto, al segreto. È comunque possibile trovarlo nelle migliori
caffetterie di Torino, in versioni sempre lievemente differenti nelle
dosi e nell’omonima caffetteria di Montesarchio in provincia di
Benevento.
Novità di questi ultimi anni è il liquore che porta lo stesso nome anche se non fabbricato con gli stessi ingredienti (è un liquore alla crema Gianduia). 
Grandi appassionati di Bicerin furono Camillo Benso Conte di Cavour, Pablo Picasso, Alexandre Dumas (padre) e Ernest Hemingway (che lo inserì fra le cento cose del mondo che avrebbe salvato).
Fonte, citata para para, Wikipedia
Qualche tempo fa mia mamma mi ha fatto assaggiare questo liquore che non conoscevo e me ne sono innamorata. Non è che in Sicilia lo si trovi dietro l’angolo e quindi non resta che il fai da te 🙂
Ho chiesto in giro e AnnaLisa mi ha mandato la sua ricetta del bicérin ma nella versione classica e analcolica che mi riservo di fare in settimana così lo inserisco in questo post per completare le informazioni. Per quanto concerne il liquore ho trovato solo questa ricetta che non è esattamente quella che credevo perchè al posto del cioccolato gianduia, classico piemontese, contempla l’uso esclusivo del cacao amaro (per me senza glutine). Ma leggendo i commenti mi è venuta la curiosità di provare e ho fatto bene! E’ fantastico già così, immaginiamo con gli ingredienti giusti 😉 
Solo due piccole accortezze: l’uso di una casseruola di grandi dimensioni, perchè il composto durante l’ebollizione gonfia parecchio (io ho usato la casseruola Ballarini Greenline) e dal fondo spesso per evitare che bruci sotto.
Versare nella casseruola zucchero, cacao e la bacca o mezza bacca di vaniglia, versare il latte a filo mescolando per evitare la formazione di grumi e mettere sul fuoco. Quando bolle, continuare la cottura 8 minuti, mescolando di tanto in tanto, spegnere la fiamma e lasciare raffreddare. Aggiungere l’alcool al 95°, mescolare e imbottigliare. La presenza del latte lascia supporre che vada tenuto in frigo, ma al momento di servirlo uscirlo dal frigo anche 20 minuti prima così da dare modo al liquore di ri-fluidificarsi.
Mammamiachebontà! Ieri sera, dopo l’imbottigliamento, ho ripulito i bordi con la spatola, dimenticando che è una bevanda alcoolica…stop..non aggiungo altro :-DD
Bevanda non adatta ai bimbi ;-D 
Ps. il sotto-bicchiere settecentesco è un caso … ;-D

Ps. approfitto in seconda istanza di questo post per ringraziare Vale del blog “La Pozione Segreta” per il premio di blog affidabile che mi ha conferito! E’ un onore e se anche solo un decimo delle mie ricette hanno aiutato qualcuno o ne hanno rinvigorito le papille gustative è un vero successo! Grazie Vale :-X

a mia volta lo giro, non a 5 bloggers perchè sono poche, ma all’intero gruppo delle “Rifatte senza glutine” che ci allietano ogni 15 del mese.

You Might Also Like

19 Comments

  • Reply
    Micol
    13 Aprile 2012 at 11:01

    oh, Sonia!! Un bel bicchierino ci sterebbe tutto!!!
    Si potrebbe usare insieme a della crema per farcire le torte?
    Che spettacolo… :-XXX

  • Reply
    Sonia
    13 Aprile 2012 at 11:15

    a favorire 😉 non credo perchè è davvero alcoolico..per me… ma puoi drasticamente ridurre le dosi e aggiungere amido quanto basta per addensare, otterresti una crema proprio buona 😀 grazie e baciiii :-X

  • Reply
    Ely
    13 Aprile 2012 at 11:44

    Che spettacolo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Buono scalda il cuore e l'anima!!!! Vengo per un cin cin 🙂

  • Reply
    Tinny
    13 Aprile 2012 at 12:41

    Vabbè, se ti metti pure a fare i liquorini golosi…dove andremo a finire…lo sa il signore…mamma mia…

  • Reply
    Natalia
    13 Aprile 2012 at 13:46

    Io ne preparo uno con il cioccolato, questo al cacao amaro deve essere una favola!!
    Segno ma non lo faccio ora!!! SOno come i bimbi in questo momento: niente alcool!!!

  • Reply
    La Pozione Segreta - Vale
    13 Aprile 2012 at 14:53

    Sembra davvero buonissimo e golosissimo!
    Passa da me, c'è un premio che ti aspetta!

  • Reply
    Sonia
    13 Aprile 2012 at 15:53

    Ely, che carina!! e vieni va… :-XX

    Tinny, hihihi e ancora non hai visto nulla ;-)) :-XX

    Natalia, tu prepari quello che preparerò io la prossima volta 😉 si so che per te per ora
    c'è lo stecchetto! :-XX

    Pozione, grazie mille…arrivoooooo :-X

  • Reply
    Vale
    13 Aprile 2012 at 16:25

    sottolineando l'affidabilità del tuo pregiato blog, il temibile comitato jedi marescialla etc etc a nome e per conto delle Rifatte tutte ringrazia ed esulta 🙂

    è il primo premio per le Rifatte!! evviva! evviva!

    vale

  • Reply
    monica
    13 Aprile 2012 at 17:22

    complimenti Soniuz, d'altronde io lo dico da anni e anni…. un abbraccio e buon we!

  • Reply
    La Pozione Segreta - Vale
    13 Aprile 2012 at 17:36

    Grazie a te e complimenti ancora per il blog, premio meritatissimo!

  • Reply
    La Gaia Celiaca
    13 Aprile 2012 at 21:05

    molto bellino questo liquore, sono sempre alla ricerca di idee carine per natale, questo bicerin lo adotterò senza dubbio!

  • Reply
    Sonia
    14 Aprile 2012 at 9:58

    Vale/tork, hihihi mi sei piaciuta!! :-X

    Monicuz, grazie mille bedda, per te un abbraccio speciale sempre :-XX

    Vale, no nonnnooo grazie a te! 😉 un abbraccio

    Gaia, brava! fallo a Natale chè se lo fai ora finisce moooolto prima 😉 grazie e baci :-X

  • Reply
    Caterina Motta
    14 Aprile 2012 at 10:17

    WoW!!! che dici: provo a farlo…e poi mi ubriaco???? Un bacio e grazie

  • Reply
    Rosalba
    14 Aprile 2012 at 12:56

    Wow chissà che buono questo liquore
    P.S.: per rispondere alla tua domanda (l'ho già fatto nel mio blog ma lo faccio anche qui) non ero proprio da Lanza ma nei paraggi…la prossima volta se mi vedi fermami così parliamo 🙂

  • Reply
    Barbara
    14 Aprile 2012 at 16:16

    credi che il bicerin possa venire bene anche con il latte di riso? non resta che provare….
    e il premio è decisamente meritato 🙂

  • Reply
    Sonia
    14 Aprile 2012 at 17:37

    Caterina, un grazie a te mia cara :-XX baciiiii

    Rosalba, buono si 😉 io credevo di averti vista dentro, da Lanza 😀 una volta ho fatto una figura barbina e da allora non importuno più le persone per strada :-DD ma semmai avessi la certezza che sei tu lo faccio con piacere :-DD

    Barbi, io credo proprio di si perchè il cacao è il sapore predominante 😉 grazie e baci .-X

  • Reply
    sississima
    15 Aprile 2012 at 17:30

    accipicchia addirittura i liquori, deve essere buonissimo! Un abbraccio SILVIA

  • Reply
    Sonia
    16 Aprile 2012 at 10:43

    se non avessi qualche fastidio di salute lo berrei a ore alterne per quanto mi piace! ;-DD grazie e un abbraccio anche a te 😀

  • Reply
    Torta Bicerìn (anche senza glutine) | La cassata celiaca
    8 Novembre 2015 at 18:33

    […] gr. maizena (per me senza glutine) 20 gr. amido di riso  (per me senza glutine) 6 cucchiai bicerìn  200 gr. panna semimontata per la decorazione: panna montata colorante alimentare rosso […]

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.