Piatto unico/ Street food

Panino con panelle e crocché senza glutine

Panino con panelle e crocché senza glutine

Panino con panelle e crocché senza glutine - La Cassata Celiaca

Panino con panelle e crocché senza glutine – La Cassata Celiaca

Buon venerdì e buon GFFD!

LO Street Food per eccellenza in Sicilia credo sia il Panino con panelle e le crocchè. 

Altra degnissima alternativa è il panino con la milza (pani ca meusa) ma che non tutti amano per via dell’eccesso di grasso contenuto, grasso nel quale la milza viene cotta.

Ma torna lo stesso discorso dell’altro giorno: non è che a me celiaca mi smorca la fame di panino con le panelle, mi alzo dalla poltrona e me lo vado a comprare!

Se la pianificazione per i Grisbì era quantificabile nel giro di qualche ora, per un piatto del genere mi serve almeno una giornata intera!

Questa è una delle differenze tra chi SCEGLIE una dieta e chi DEVE seguirla, sempre meglio sottolinearlo.

Panino con panelle e crocché senza glutine - La Cassata Celiaca

Panino con panelle e crocché senza glutine – La Cassata Celiaca

Si perché se devo fare una cosa home made o la faccio con tutti i sentimenti o nisba.

E allora prepara la pasta per i panini, prepara l’impasto per le panelle, pensa alle patate per le crocchette e l’indomani, si nun assintumasti pi la fami,  finalmente addenti sto panino!

Ma vi assicuro che appena lo addentate sarà un’esperienza tra le più soddisfacenti.

Cosa lunga è, ma anche in questo caso ne vale  la pena.

La ricetta completa la trovate sulla rivista Oggi cucino Free numero 6 di giugno 2016.

Enjoy!

Buon fine settimana.

La ricetta va nella raccolta del GFFD.

GFFD

 

5 from 1 reviews
Panino con panelle e crocché senza glutine
 
Prep time
Cook time
Total time
 
Author:
Recipe type: piatto unico, street food
Cuisine: Italian
Ingredients
  • Ingredienti per 9 panini:
  • 5 g lievito di birra fresco
  • 200 g acqua
  • 8 g zucchero semolato
  • 170 g Miscela per pane senza glutine Le Farine dei nostri sacchi
  • 50 g Miscela per pane senza glutine Nutrifree
  • 10 g olio d’oliva
  • 3 g sale
  • Semi di sesamo
  • Per le crocchette (circa 40 pezzi):
  • 500 g patate a pasta dura
  • 1 uovo medio
  • Un cucchiaino scarso di sale
  • Un pizzico di pepe
  • 50 g caciocavallo ragusano grattugiato
  • Per l’impanatura delle crocchette :
  • 2 uova
  • 150 g pangrattato senza glutine Le Farine dei nostri sacchi
  • 4 cucchiai di fecola di patate senza glutine
  • Per le panelle (circa 20 pezzi)::
  • 400 g farina di ceci Molino Rossetto
  • 1 kg acqua
  • Un cucchiaino di sale
  • ½ cucchiaino di pepe nero macinato
  • 1 cucchiaio colmo di prezzemolo tritato
  • 1 litro di olio di arachidi
Instructions
  1. Preparare i panini:
  2. Sciogliere il lievito e lo zucchero nell'acqua e versare le farine.
  3. Impastare finché non si ottiene una pasta omogenea e, a questo punto, unire l’olio e il sale.
  4. Lavorare bene l’impasto finché non risulti liscio e omogeneo.
  5. Coprire e lasciare lievitare fino al raddoppio
  6. Pesare dei bocconcini di circa 100 g l’uno e lavorare ogni bocconcino sul piano di lavoro finché non si ottiene una pallina liscia.
  7. Sistemare tutte le palline ottenute ad una certa distanza l’una dall'altra su una placca foderata di carta da forno.
  8. Lasciare lievitare i panini fino al raddoppio (ci vorranno circa 3 ore, a seconda delle temperatura della cucina).
  9. Pennellare delicatamente i panini con dell’olio d’oliva e spolverarli con semi di sesamo.
  10. Farli cuocere in forno preriscaldato a 200° per circa 20’.
  11. Preparare le crocchette (è consigliato prepararle il giorno prima):
  12. Fare lessare le patate con tutta la buccia (ma ben lavate) in abbondante acqua (partire da acqua fredda).
  13. Quando saranno cotte, pelarle e schiacciarle.
  14. Unire il sale, il pepe e, quando saranno tiepide, anche l’uovo e il caciocavallo.
  15. Mescolare bene affinché tutto sia omogeneo.
  16. Usando poche quantità di impasto alla volta formare dei salsicciotti spessi circa 3 cm e tagliarli della lunghezza di circa 6 o 7 cm.
  17. Battere leggermente le due uova.
  18. Passare le crocchette prima nella fecola, togliendo l’eccesso, poi nelle uova battute e infine nel pangrattato.
  19. Sistemare le crocchette su un piatto e riporlo in frigo fino all'indomani.
  20. Per le panelle (è consigliato prepararle il giorno precedente):
  21. Versare la farina di ceci in una ciotola e aggiungere man mano l’acqua a filo, lavorando la farina con una frusta per togliere i grumi che man mano si formeranno (versare l’acqua lentamente altrimenti sarà difficile rimuovere i grumi).
  22. Unire il sale e il pepe e versare tutto in una ampia casseruola dal fondo spesso.
  23. Mettere la casseruola sul fuoco medio e, mescolando di continuo, portare a cottura.
  24. Dopo circa 40’ la farina di ceci sarà cotta e avremo ottenuto una consistenza cremosa alla quale uniremo il prezzemolo tritato.
  25. Versare subito il composto in uno stampo da plumcake antiaderente o in silicone e quando sarà tiepido, coprire con pellicola e riporre il tutto in frigo per tutta la notte.
  26. L’indomani capovolgere lo stampo su un tagliere e affettare finemente il composto ormai ben sodo, ottenendo delle fettine spesse mezzo dito.
  27. Friggere in olio profondo e caldo le panelle e crocchette e salarle leggermente in superficie dopo averle riposte su carta assorbente.
  28. Farcire i panini con panelle e crocchette e servire subito, spruzzando a piacere succo di limone.
Notes
Tutto può essere preparato in anticipo e congelato, ma le panelle e le crocchette vanno congelate da crude e riposte in un vassoio affiancandole ma non sovrapponendole.
Friggete solo le quantità desiderate (circa 3 panelle e 4 o 5 crocchette a panino) e congelate la parte restante.
Al momento di consumarle, vanno fatte scongelare prima in frigo e poi fritte, mentre i panini vanno scaldati per qualche minuto in forno.
I panini possono essere spolverati di semi di sesamo prima della cottura.

 

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply
    Stefania
    22 luglio 2016 at 15:20

    Viva viva lo street food!!! Ma perché non esiste la dieta dello street food?! Che poi a pensarci bene il pane, le patate e i ceci sono tutti ingredienti genuini e salutari!
    Ci sarà del lavoro ma ne stra vale la pena!
    Bellissime immagini e bellissimo il set con il giornale un po’ invecchiato, sa di street!
    Baci

    • Reply
      Sonia
      22 luglio 2016 at 19:46

      grazie!! la cosa tragica è una: il giornale non è invecchiato è vecchio, è della seconda guerra mondiale… per fare le foto si è macchiato di olio e c’è chi vuole uccidermi 😀 baciiiiii

  • Reply
    lagaiaceliaca
    22 luglio 2016 at 15:40

    O signur!
    Ma ogni giorno mi devi far svenire sonia, ogni giorno!
    io non so chi te la dia l’energia di produrre ogni giorno queste meraviglie… che poi non si sa da che parte cominciare a copiarle, da quante e quante sono.
    Troppo troppo troppo brava

    • Reply
      Sonia
      22 luglio 2016 at 19:47

      hahahahaah muoro!! onoratissima che ti faccia sbavare! noooo ma mica li faccio ogni giorno, ci mancherebbe! questi qui però erano tanti e li ho congelati quindi per tre volte li ho mangiati con gaudio magno! grazie mille, baci!

  • Reply
    Fabi Fabipasticcio
    24 luglio 2016 at 20:17

    E me le ricordo benone queste meraviglie, che ho gustato solo in foto!
    Da provare al più presto
    Un abbraccio

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.