Pizza

Pizza “Faccia di vecchia”

Cet article est disponible en: Français (Francese)

Pizza "Faccia di vecchia" - La Cassata Celiaca

Pizza “Faccia di vecchia” – La Cassata Celiaca

Buon mercoledì, oggi vi offro la pizza “faccia di vecchia” senza glutine.

vicino Palermo, dalle parti dell’aereoporto Punta Raisi, c’è un paese che si chiama Torretta.

A Torretta lu zi Caliddu s’inventò, a quanto pare, questa pizza dal nome strano, nome dovuto forse ai fossi fatti con le dita sulla base della pizza, o forse alla rugosità del condimento una volta cotto, non lo so.

Sta di fatto che io l’ho assaggiata tantissimi anni fa in loco e non l’ho mai più mangiata, per quanto mi fosse piaciuta tanto, perchè Torretta non era proprio dietro l’angolo per noi e si sa la vita è davvero troppo frenetica per fare quasi 100 km a/r per una pizza.

Ho cercato in giro e ho trovato come riferimento questa ricetta di Cetty, che ho scovato nel lontano 2011.

Ho letto solo dopo averla farcita che la cipolla andava frullata e poi mischiata alla salsa per farla diventare arancione, quindi ho omesso il passaggio, ma voi potete seguirlo passo passo.

E ho dimenticato del tutto il pangrattato (a muddica), la prossima volta sarò più ligia.

Il risultato è davvero ottimo, io adoro le acciughe nella pizza e sapete già che il caciocavallo è tra i miei preferiti.

Somiglia tanto allo sfincione palermitano, ma sembra che sia la base della pizza ad essere diversa.

Lo zi Caliddu non svela i soi segreti e noi procediamo a tentoni e senza il forno a legna.

Ho steso la pizza col mattarello, cosa che non faccio mai, per evitare che gonfiasse in cottura, mentre la faccia di vecchia deve essere una pizza bassa e dal fondo leggermente croccante.

Vi auguro buon appetito e grazie per essere passati.


Pizza "Faccia di vecchia" - La Cassata Celiaca

Ingredienti per 2 pizze

per la base senza glutine:

400 g  mix per pizza  senza glutine “Le farine dei nostri sacchi”

350/370 g acqua circa

8 g lievito di birra

2 cucchiai olio d’oliva (io strutto)

1 cucchiaino sale

per il condimento:

1 barattolo di pomodorini (400 g.)

1 cipolla

olio d’oliva

filetti di acciughe sott’olio

origano

200 g caciocavallo fresco a cubetti

insaporitore per sughi al pomodoro Ariosto

Procedimento

Preparare la base, lavorando la farina con acqua e lievito e infine unendo olio/strutto e sale.

Lasciare lievitare fino al raddoppio.

In una casseruola soffriggere la cipolla tritata in olio d’oliva, aggiungere i pomodorini e un cucchiaino di insaporitore.

Lasciare cuocere finchè il sughetto non si riduce e poi lasciarlo intipidire.

Dividere la pasta in due bocconcini di pari peso e stenderla col mattarello in due dischi sottili.

Sistemare le basi nelle teglie e condire con pezzetti di acciuga sminuzzata, la salsa di pomodoro, il caciocavallo a cubetti e origano.

Cuocere alla temperatura massima del forno per 10′.

Servire calda.

Pizza "Faccia di vecchia" - La Cassata Celiaca

Cet article est disponible en: Français (Francese)

You Might Also Like

16 Comments

  • Reply
    annaferna
    20 Novembre 2013 at 6:13

    ciao Sonia
    avrà un nome strano ma lu zi Caliddu ha creato una bontà ^_^. condivido quel che hai scritto di Stefania <3
    baciotto

  • Reply
    paneamoreceliachia
    20 Novembre 2013 at 8:31

    Super sta pizza, da provare, io però ometto la cipolla che chissa perché sulla pizza non mi piace. I misteri della mia mente…!!! Un abbraccio
    ALice

  • Reply
    Mariabianca
    20 Novembre 2013 at 8:51

    Il nome di questa pizza e' tutto un programma.anche a Trapani ho scoperto che,ultimamente,le pizzerie mettono a muddica sulle pizze……devo provare.
    Un abbraccio,brava come sempre.

  • Reply
    Sonia
    20 Novembre 2013 at 17:11

    Annaferna, ha ha ha, una vera bontà! baciotto a te cara

    Alice, ma se la frulli manco la senti 😉 bacioni e grazie!

    Mariabianca, grazie tesoro! bacioni grandi

  • Reply
    Stefania
    20 Novembre 2013 at 17:35

    Ma è il tuo autoritratto?!
    Ah ah ah!!! Battutaccia cattiva però ci stava bene 😉 anche se non lo penso minimamente!!!
    Bravo lu zi Caliddu e brava tu che ti sei ricordata di questa specialità.
    Come ti sei trovata con la farina che hai usato?
    Baci cciovane fuori e dentro 😉

    • Reply
      Sonia
      20 Novembre 2013 at 20:29

      hahhahhaaaaa ho chiesto al marito di farmi una foto per riuscire a fare la pizza…benissimo mi trovai con sta farina…presto provo anche quella per pane….grazie soralla di cciovane, bascetti!

  • Reply
    Franci
    21 Novembre 2013 at 7:18

    Alla faccia della vecchia, cara Sonia.Mi sembra paradisiaca!

  • Reply
    sississima
    21 Novembre 2013 at 12:30

    ma che buona questa pizza, per me la pizza è un alimento al quale proprio non so resistere, un abbraccio SILVIA

  • Reply
    Sonia
    21 Novembre 2013 at 19:25

    Franci, ha ha ha grazie mille carissima!!

    Silvia, sono proprio contenta che vi piaccia, baciiii

  • Reply
    Viviana Aiello
    21 Novembre 2013 at 23:46

    Pensa che da noi la facciamo ma senza nulla sopra e si chiama proprio così. Tra le prime infornate dei miei, quando il forno a pietra è caldissimo tanto da non poter mettere le pizze!
    MI sono unita ai tuoi lettori, perdonami per il ritardo ma ultimamente non riesco nemmeno a star dietro al mio blog come vorrei.
    Mega kiss Sonia!

  • Reply
    Araba Felice
    22 Novembre 2013 at 16:46

    Sonia, grazie!!! 🙂
    E che buffo nome questa ricetta!

  • Reply
    Sonia
    22 Novembre 2013 at 19:09

    Viviana, benvenuta, che bello leggerti qui. Non ti preoccupare 😉 bacioni a te

    Stefania, grazie a te carissima!

  • Reply
    Fabipasticcio
    24 Novembre 2013 at 17:13

    golosa e con le acciughe? messa nella wish list, ma bisogna che me la reinventi per mangiarla e per farla per tutti e tre.
    Ma quante farine provi? Sempre con le mani in pasta :-*

  • Reply
    Sonia
    25 Novembre 2013 at 12:32

    non ho dubbi che ci riuscirai! grazie mille carissima, bacioni

  • Reply
    Federica Simoni
    26 Novembre 2013 at 8:54

    😛 buonissssssssssima!

  • Reply
    Sonia
    26 Novembre 2013 at 12:41

    grazie!!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.