Non categorizzato

Mattonella

Ingredienti:
250 gr. farina (per i celiaci Biaglut)
250 gr. ricotta
250 gr. burro
pizzico di sale
besciamella
prosciutto
formaggi
salsa
1 uovo

 
  
Tempo di preparazione: 2 h circa
Preparazione:

Cerco di fare questa ricetta da anni! vedo sempre mio marito che la mangia con gusto e non sapendo che sapore abbia (sono celiaca da 6 anni, ma credo di non averla mai mangiata prima di allora ahimé. Questo serva da lezione: mai rimandare a domani ciò che puoi fare oggi!) provo ad emulare ciò che vedo. Nel forum di Cucina in simpatia ho trovato una ricetta che si chiama sfoglia dei poveri , che ha la lavorazione della pasta sfoglia classica e ho voluto sperimentarla ma senza glutine. Nella ricetta originale la farina da usare è in parte Biaglut e in parte Farmo, ma io la Farmo non la trovo e mi sono arrangiata con Biaglut soltanto. Confesso anche un’alto errore/orrore: al supermercato ho sbagliato e invece di prendere il burro ho preso la margarina….ecco…voi non fatelo! Indubbiamente l’esito finale della ricetta è stato inficiato pesantemente da questo cambio, sia per il gusto che per la consistenza della pasta. Il risultato è stato buono, la ricotta non si sente nemmeno e se si mangia appena freddato è molto meglio. Ma la pasta non ha avuto alcuna sfogliatura e secondo me la margarina l’ha appesantita. 

Oh…magari sbaglio 🙂
Dunque sabbiare la farina col burro freddo e aggiungere la ricotta e un pizzico di sale. Impastare bene e riporre in frigo mezz’oretta prima di lavorarla di nuovo. Trascorso questo tempo, riprendere la pasta e stenderla in un rettangolo come se si volesse inglobare il panetto di burro (solo che non lo faremo), piegarla in tre, cioè piegare un lembo verso il centro e l’altro lembo lo ripieghiamo su questo, avvolgerla in pellicola e riporla in frigo 20/30 min. prima di fare l’altro giro. Riprendere la pasta, girarla in modo che i lati aperti siano rispettivamente a destra e a sinistra e stenderla di nuovo. Ripiegarla in tre e riporre in frigo. Ripetere la stessa operazione un’altra volta e poi stendere la pasta nella forma voluta. Prendere una teglia antiaderente e adagiare un primo strato di sfoglia stesa dell’altezza di meno di mezzo cm., ricoprirla con fettine di prosciutto, pezzetti di formaggi vari, la besciamella (già pronta, già fredda e piuttosto soda), qualche cucchiaiata di salsa. Ricoprire il tutto con un altro strato di sfoglia, chiudere bene i lembi, spennellare con un tuorlo battuto con un goccio di latte e infornare a 220° per 25/30 min. a seconda del forno. Consumare tiepida o fredda.

You Might Also Like

11 Comments

  • Reply
    Anonimo
    14 Marzo 2010 at 13:12

    Ciao mi chiamo Kruger Agostinelli e sono il responsabile del Blog Cafè (http://www.squisito.org/blogcafe/) questo sito è stato segnalato per partecipare al "Premio Blog dell'Anno" di SQUISITO 2010.
    Dovresti comunicarmi un tuo indirizzo di posta elettronica, indicando a quale blog corrisponde, su cui mantenere il contatto con noi.
    Mi puoi scrivere a:
    nominationblogcafe@kruger.it

  • Reply
    La Gaia Celiaca
    14 Marzo 2010 at 23:03

    secondo me non sfoglia non perché hai fatto qualche errore, ma perché la sfogliatura è una cosa veramente poco compatibile con il senza glutine. non a caso anche le paste sfoglie senza glutine che si trovano in commercio non sfogliano.
    non possiamo avere tutto…

  • Reply
    Silvio
    15 Marzo 2010 at 10:46

    sei celiaca ?

  • Reply
    Sonia
    15 Marzo 2010 at 14:52

    X Gaia: mi sa che hai ragione. Però tra tutte le fantastiche cosette che scoprono le ragazze di Cucina in Simpatia non mi stupirei se risolvessero anche questo problema.

    X Silvio: ahimé si, sono celiaca 🙁

  • Reply
    Felix
    16 Marzo 2010 at 7:03

    E' la Biaglut a non essere idonea ed il tipo di impasto.
    E' troppo sottile, si appesantisce subito ed ha un pessimo rapporto con l'aggiunta dei grassi.
    La sfoglia dei poveri che sta su Cis è fatta con la Farmo e l'Agluten (non c'è Biaglut, ha una resa terribile con le sfoglie)
    Perché un impasto sfogli per bene è necessario intanto seguire la ricetta della sfoglia classica con tutti i suoi giri e se fatto per bene sfoglia regolarmente: http://www.cucinainsimpatia.net/viewtopic.php?f=46&t=5551
    Per la lavorazione che ha la sfoglia dei poveri, la sfogliatura sarà sempre e comunque inferiore rispetto a quella classica.
    Anche perchè per avere una buona sfogliatura è necessario che il panetto non sia troppo umido…

    E non è colpa della margarina che secondo alcuni sarebbe anche più adatta del burro.

    Dopo tutto questo panegirico ti mando un bacione 🙂

    Olga/Felix

  • Reply
    CucinaItaliana
    16 Marzo 2010 at 12:18

    Ciao!
    Partecipa anche tu al Contest di Marzo de LA CUCINA ITALIANA dedicato al TIRAMISU'!

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/04/10.
    Buon lavoro!

  • Reply
    Sonia
    16 Marzo 2010 at 13:49

    Ehi Olga, se avessi saputo che passavi da casa mia ti avrei preparato un bel caffé caldo! Che piacere leggerti anche qui. Come sempre sei iper preparata. Grazie per il consiglio, putroppo ho il vizio di confondere Biaglut con Agluten e non è la prima volta..sono recidiva 🙂 ma mi leverò il vizio giuro!! ok, la prossima volta farò con Agluten, ma la Farmo non la trovo. Grazie mille. Un bacioe anche a te.
    Sonia

  • Reply
    Sonia
    16 Marzo 2010 at 13:59

    x Cucina Italiana: grazie per l'invito. Parteciperò con grande piacere.

  • Reply
    Mariana
    16 Marzo 2010 at 16:10

    Meno male che non abitiamo vicino….se no diventerei come una trebbia!!!!!!!!!!con tutti i manicaretti che prepari…..complimenti!

  • Reply
    Felix
    16 Marzo 2010 at 16:14

    E mi piace la tua casa Sonia, che ci vuoi fare, nostalgie di una siciliana!

    Allora vada per un bel caffè! 🙂

    A-ri-bacio

    Olga

  • Reply
    Sonia
    16 Marzo 2010 at 16:47

    X Mariana: meno male per me visto quelli che sai preparare tu!!! baci

    X Felix: ti aspetto con estremo piacere :-))

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.